Tu sei qui

TICKET INTRAMOENIA: “DALLA RELAZIONE DEI NAS EMERGE UN QUADRO PREOCCUPANTE SULLA GESTIONE DELLE RSA UMBRE E SUL SISTEMA REGIONALE DELL’INTRAMOENIA” – NOTA DI CIRIGNONI (LEGA NORD)

 

(Acs) Perugia, 2 aprile 2012 - "Rimanendo in attesa di una urgente risposta scritta da parte dell’assessore Franco Tomassoni alla mia interrogazione sulle residenze assistenziali sanitarie, presentata a seguito dell’illustrazione del rapporto dei carabinieri del Nas alla Commissione parlamentare d’inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del sistema sanitario nazionale, confermo i dati umbri riportati da molti quotidiani locali relativi ai controlli esperiti dai carabinieri nel biennio 2010/2011 che hanno comportato la chiusura di 4 Rsa nella nostra regione”. Così il capogruppo regionale della Lega Nord Gianluca Cirignoni che sottolinea come “le frettolose smentite di questi dati da parte dell’assessore alla Sanità regionale appaiono quindi fuori luogo. Come confermatomi dal senatore della Lega nord, Fabio Rizzi, componente e segretario della Commissione d'inchiesta del Senato infatti – aggiunge -, dalla relazione dei Nas emerge un quadro preoccupante sulla gestione delle Rsa umbre e sul sistema regionale dell’intramoenia sul funzionamento del quale i carabinieri hanno riscontrato molte irregolarità”.


A giudizio di Cirignoni, è proprio il settore dell’intramoenia, che “crea un formidabile conflitto di interessi per i medici dipendenti della sanità regionale e necessita, a nostro avviso, che le norme di monitoraggio e trasparenza sul sistema, peraltro previste dall’ultimo Piano sanitario regionale e da quello per la riduzione delle liste d attesa, siano attuate, provvedendo come previsto da una delibera regionale del 2001 a sospendere l’intramoenia in quelle Asl ove i tempi d'attesa superino quelli massimi di legge. In mancanza di un tariffario regionale e di una convenzione unica – conclude Cirignoni - la scelta della Giunta regionale di trovare risorse aumentando del 29 per cento la quota di tariffa intramoenia spettante alle Asl, si riverserà tutta sui malati, peraltro in modo iniquo, se è vero che in alcune zone dell’Umbria alcuni medici hanno provveduto a ridurre le tariffe applicate ai pazienti". RED/tb

Data:
Lunedì, 2 Aprile, 2012 (Tutto il giorno)

Tag per ACS

Free tag

Share page with AddThis