Tu sei qui

“LA RICHIESTA DELL’ISEE A MADRI E BAMBINI ARRIVATI DALL’UCRAINA A MARSCIANO, IN FUGA DALLE BOMBE DELLA GUERRA, È UN FATTO INQUALIFICABILE” - MELONI E BORI (PD) ANNUNCIANO INTERROGAZIONE

 

(Acs) Perugia, 6 aprile 2022 - “Un fatto particolarmente grave quello che ha visto protagonisti i bambini e le loro madri arrivati a Marsciano in fuga dalla guerra in Ucraina. Ancor più grave ci appare la giustificazione della sindaca Mele, che quasi vincola sgravi e aiuti a fondi regionali e nazionali, invece di riconoscere aiuti importanti a chi scappa dalle bombe”. Così i consiglieri regionali del Partito democratico Simona Meloni (capogruppo) e Tommaso Bori, annunciando la presentazione di una interrogazione a riguardo.

“Il Comune - spiegano Meloni e Bori - sapeva dell’arrivo dei profughi ed era stato detto alle famiglie che i bambini non potevano usufruire né del servizio mensa, né del trasporto. Dopo l’inserimento, seguito al nostro interessamento e del Pd di Marsciano, il Comune ha pensato di chiedere il pagamento dei servizi (con tanto di listino prezzi inviato per e-mail) alle tariffe massime data l'impossibilità delle famiglie di produrre l'Isee. Chiedere l’Isee a chi proviene dalla guerra è un fatto terribile ed inqualificabile, che dimostra anche una scarsissima cultura dell’accoglienza”.

“Attraverso la nostra interrogazione – concludono Simona Meloni e Tommaso Bori - vogliamo sapere dalla Giunta regionale quali sono le iniziative messe in atto per l’accoglienza, con quali risorse e come coinvolgere gli Enti locali, affinché episodi come quello di Marsciano non possano più verificarsi". RED/as

Data:
Mercoledì, 6 Aprile, 2022 - 13:15

Tag per ACS

Free tag

PD
Share page with AddThis