Tu sei qui

udc

SANITÀ: “PER L'EX OSPEDALE CALAI NON UN PIANO DI VALORIZZAZIONE MA DI SVENDITA E DEMOLIZIONE” - NOTA DI MONACELLI (UDC)

 

(Acs) Perugia, 9 aprile 2015 – “Più che un piano di valorizzazione dell'ex ospedale Calai, quello approvato ieri dal Consiglio comunale di Gualdo Tadino è un piano di svendita e di demolizione”. È quanto afferma il capogruppo regionale dell'Udc, Sandra Monacelli.

SCUOLA: “LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE SI ATTIVINO SULLA MANCATA COSTITUZIONE DELLA CLASSE PRIMA DELL'IPC DI GUALDO TADINO” - L'APPELLO DI MONACELLI (UDC)

 

(Acs) Perugia, 31 marzo 2015 - “Non avendo raggiunto il numero minimo di iscrizioni, il prossimo anno non si procederà alla costituzione della prima classe presso l'IPC gualdese. Tuttavia, tre degli otto iscritti sono ragazzi con difficoltà di varia natura che alle medie hanno usufruito del sostegno e che, per evidenti ragioni, non possono ripiegare sulle altre scuole presenti a Gualdo: il liceo sarebbe troppo impegnativo ed il geometri troppo tecnico per le loro possibilità”.  Così il capogruppo regionale dell'Udc, Sandra Monacelli per la quale “non potendo, questi tre ragazzi, muoversi autonomamente attraverso i mezzi pubblici, perché necessitano di assistenza costante, non è possibile nemmeno trasferirli in scuole presenti nei centri limitrofi”.

SANITÀ: “CON CAMPAGNA ELETTORALE NELLA USL 2 ARRIVA IL BANDO PER POSIZIONI ORGANIZZATIVE” - NOTA DI MONNI (MISTO-NCD) E MONACELLI (UDC)

 

(Acs) Perugia, 31 marzo 2015 – “Sembrerebbe proprio che in simultaneità con l'inizio della campagna elettorale, la dirigenza della Usl2 si sia accorta di aver necessità improvvisa ed impellente di personale con specifiche caratteristiche e competenze professionali che fino ad oggi sono rimaste chiuse in un cassetto pronte per essere rispolverate alla vigilia delle elezioni regionali”. Lo dichiarano i consiglieri regionali Massimo Monni (gruppo misto-Ncd) e Sandra Monacelli (Udc).

QUESTION TIME (8): SANITÀ: MONACELLI (UDC) “L'UMBRIA DEVE ACCELERARE SUI NUOVI FARMACI CONTRO EPATITE C ” - PRESIDENTE MARINI: “LA REGIONE STA FACENDO LA SUA PARTE”

(Acs) Perugia, 26 marzo 2015 – Durante l'odierna seduta di question time il consigliere regionale Udc Sandra Monacelli ha chiesto spiegazioni sull'adozione in Umbria di un nuovo farmaco contro l'epatite C, evidenziando che la “Regione non ha attivato il programma di dispensazione del farmaco, indicando le modalità per la fruibilità delle nuove terapie nel territorio regionale”. Monacelli ha spiegato che “le epatiti virali  costituiscono una vera e propria emergenza sanitaria, e l'Italia con 20 mila decessi è il paese con il più alto tasso di epatite C e tumori al fegato correlato dell'Europa occidentale. Attualmente per combattere l’epatite C è disponibile un nuovo trattamento, il Sofosbuvir che aumenta dell’80 percento la possibilità di successo terapeutico. La Regione ha stabilito i criteri per l'individuazione dei Centri per l'erogazione della nuova terapia ma l’Agenzia italiana del farmaco ha reso noto che la Regione stessa non ha attivato il programma di dispensazione del farmaco.

ISTRUZIONE: “IL RISPETTO DELL'ALTERITÀ NON PUÒ RIDURSI ALL'ANNIENTAMENTO DELLA NOSTRA IDENTITÀ” - MONACELLI (UDC) SULLA NON CONCESSIONE DELLA BENEDIZIONE ALLA SCUOLA DI STERPETE

(Acs) Perugia, 23 marzo 2015 - La decisione della dirigente scolastica di Foligno di non consentire la benedizione nella scuola primaria di Sterpete, interrompendo così una tradizione sentita e consolidata nella comunità di riferimento, lascia perplessi e pone interrogativi profondi. A prescindere dalle motivazioni di ordine giuridico, che la stessa dirigente ha addotto a giustificazione del suo diniego, affermando che la legge italiana vieta gli atti di culto all'interno dell'orario scolastico, qui c'è in ballo una questione che attiene al fondamento della nostra identità. Il rispetto dell'alterità, non può ridursi all'annientamento della nostra identità, soprattutto quando l'alternativa si risolve nel nulla”: lo afferma la capogruppo dell'Udc, Sandra Monacelli.

OMICIDIO TERNI: “VICENDA TRAGICA CHE FERISCE PROFONDAMENTE LA COMUNITÀ REGIONALE” - NOTA DI MONACELLI (UDC)

(Acs) Perugia, 13 marzo 2015 - “La tragica vicenda di Terni, con la morte del giovane brutalmente ucciso da un cittadino straniero in preda all'alcol, già espulso dall'Italia alcuni anni fa e in attesa del pronunciamento su un suo ricorso per una richiesta di asilo politico non accettata, ferisce profondamente la nostra comunità regionale”. Lo afferma il capogruppo Udc a Palazzo Cesaroni, Sandra Monacelli.

Per Monacelli “questa vicenda induce a una riflessione, misurata ma seria. Simili fatti non possono essere accettati con rassegnazione da parte delle istituzioni in nome di un prezzo da pagare sull'altare di una presunta integrazione, ma ne deve discendere un atteggiamento coerente e una risposta decisa e ferma sul piano legislativo. La Germania ad esempio, così fortemente contestata per la rigidità nel far applicare agli stati membri dell'Ue i vincoli di bilancio, adotta per i provvedimenti di espulsione e di richiesta di asilo misure molto più certe e una volta tanto potremmo prenderle a riferimento”.

SANITÀ: “ENNESIMO EPISODIO DI DISFUNZIONI ORGANIZZATIVE DEL SISTEMA DELL'EMERGENZA SANITARIA IN UMBRIA” - INTERROGAZIONE DI MONACELLI (UDC)

 

(Acs) Perugia, 7 marzo 2015 – “Ieri c'è stato l'ennesimo episodio che dimostra le disfunzioni organizzative del sistema dell'emergenza sanitaria nel territorio regionale”. È quanto dichiara il capogruppo regionale dell'Udc, Sandra Monacelli, che annuncia di voler presentare un'interrogazione alla Giunta per “sapere se e quali iniziative intenderà assumere per garantire una più efficiente organizzazione dell'emergenza-urgenza sanitaria in Umbria”.

“Nella mattinata di venerdì 6 marzo – spiega Monacelli - in un ufficio di Gualdo Tadino un uomo di 37 anni ha accusato un malore. Le persone presenti all'accaduto hanno immediatamente chiesto l'intervento del 118, ma nessun operatore pubblico è giunto sul posto, stante l'indisponibilità di mezzi. Viste le critiche condizioni dell'uomo, è stato chiesto soccorso ad alcuni volontari di un'associazione locale che, dopo aver rilevato un forte innalzamento pressorio (200/110), hanno accompagnato la persona in ambulanza presso l'ospedale di Branca”.

SANITÀ: “LA MORTE DELLA MAMMA DI ORVIETO RIPROPONE IL PROBLEMA DEL FUNZIONAMENTO DEGLI OSPEDALI DI EMERGENZA” - NOTA DI MONACELLI (UDC)


(Acs) Perugia, 4 marzo 2015 – “In seguito delle drammatiche notizie sulla morte di una giovane mamma presso l'ospedale di Orvieto per le conseguenze legate al parto si ripropone fortemente la questione del funzionamento degli ospedali dell'emergenza in Umbria”. È quanto dichiara il capogruppo regionale dell'Udc, Sandra Monacelli, ricordando anche “i problemi per la bambina, che mi auguro fortemente possano risolversi per il meglio, per i quali si è reso necessario un ricovero di urgenza presso l'Unità di terapia intensiva neonatale dell'ospedale di Perugia”.

STRADA PERUGIA-ANCONA: “UN TAVOLO CON GOVERNO PER DISPONIBILITÀ RISORSE E PROCEDERE ENTRO L'ANNO AL RADDOPPIO DELLE CORSIE NEL TRATTO DI CASACASTALDA” - MONACELLI (UDC) INTERROGA LA GIUNTA

 

(Acs) Perugia, 2 marzo 2015 – Il capogruppo regionale dell'Udc, Sandra Monacelli ha presentato una interrogazione con cui chiede alla Giunta di conoscere gli intendimenti della Regione circa “l'apertura immediata di un tavolo con il Governo al fine di rendere disponibili le risorse finanziarie per Anas, così da procedere entro il corrente anno al raddoppio delle corsie nel tratto di Casacastalda della Perugia-Ancona”.

Monacelli evidenzia come, “dopo anni di ritardi, stop dei lavori, promesse e rinvii sono finalmente ripresi da qualche settimana i lavori lungo la direttrice Perugia-Ancona. Un'opera strategica che dovrebbe essere terminata nel tratto umbro entro il corrente anno”.

SICUREZZA: “IL CENTROSINISTRA ABBASSI I TONI E COLLABORI CON LE ALTRE FORZE POLITICHE NEL CONTRASTO ALLA CRIMINALITÀ” - MONACELLI (UDC) SU CRITICHE ALL'ASSESSORE DEL COMUNE DI PERUGIA FRANCESCO CALABRESE

(Acs) Perugia, 25 febbraio 2015 - “La pioggia di reazioni, alcune particolarmente violente sotto il profilo verbale, con cui il centrosinistra umbro ha risposto come un sol uomo alle parole dell’assessore Francesco Calabrese, testimoniano come questi esponenti non perdano occasione per poter attaccare l’amministrazione comunale di Perugia”. Lo afferma Sandra Monacelli, capogruppo regionale Udc che “da componente della Commissione regionale d’inchiesta sulle infiltrazioni mafiose in Umbria” ritiene che Calabrese abbia sollevato delle “legittime perplessità circa le modalità con cui si sono verificati alcuni atti criminosi nel centro storico del capoluogo. Allo stesso tempo – rileva Monacelli - ha anche altrettanto chiaramente evidenziato che le sue dichiarazioni non volevano minimamente tirare in ballo la precedente giunta e tanto meno l’ex sindaco Wladimiro Boccali”.