Tu sei qui

sanità

“ATTACCO GRAVE A CHI FA CRITICHE LEGITTIME E FONDATE ALLA CAMPAGNA VACCINALE. LA LEGA SI ASSUMA LE PROPRIE RESPONSABILITÀ” – NOTA DI BORI (PD) SULLE “PROTESTE DELLA CGIL PER I RITARDI DELLE VACCINAZIONI”

 

(Acs) Perugia, 24 maggio 2021 – “Vuoto di contenuti a livello paradossale e sguardo completamente rivolto all'indietro. La Lega di governo in Umbria continua a non fornire risposte alle istanze dei cittadini e, addirittura, tira in ballo la Cgil, rea soltanto di aver protestato in maniera legittima e fondata contro una campagna vaccinale caotica e vuota”. Così il capogruppo regionale del Partito democratico, Tommaso Bori sulle dichiarazione di Stefano Pastorelli (https://tinyurl.com/2cy6z2kw).

“LA CGIL SCENDE IN PIAZZA SOLO ADESSO CHE LA REGIONE È GOVERNATA DAL CENTRODESTRA” – PASTORELLI (LEGA): “IN SILENZIO MENTRE IL PD IMPOVERIVA LA SANITÀ UMBRA”

 

(Acs) Perugia, 24 maggio 2021 – “Soltanto adesso che la Regione è governata dal centrodestra e dalla Lega la CGIL decide di scendere in piazza, ma poco o nulla hanno protestato in precedenza mentre il PD impoveriva la sanità umbra". Così il capogruppo Lega, Stefano Pastorelli.

“DOPO ANZIANI E FRAGILI, RISPETTANDO LE FASCE DI ETÀ, LA REGIONE VACCINI GLI OVER 40-50-60 CHE HANNO GIÀ CONTRATTO IL COVID COSÌ DA RISPARMIARE PREZIOSE DOSI DI VACCINO” – NOTA DI PAPARELLI (PD)

 

(Acs) Perugia, 24 maggio 2021 - “La Regione provveda a vaccinare, dopo gli anziani ed i fragili e rispettando le fasce di età, gli over 40-50-60 che hanno già contratto il Covid-19, in modo tale da risparmiare preziose dosi di vaccino. Infatti, a queste persone, può essere somministrata un’unica dose, così come indicato dal Ministero della Salute, nello spazio temporale che va dal terzo e al sesto mese dall’avvenuta infezione”, così il consigliere regionale Fabio Paparelli (Pd).

“PRONTO SOCCORSO SOVRAFFOLLATO PER CARENZE SUL TERRITORIO” - IN TERZA COMMISSIONE AUDIZIONE DEI MEDICI DI EMERGENZA-URGENZA

(Acs) Perugia, 20 maggio 2021 – “Il Pronto soccorso non può continuare ad essere l’unico accesso alle cure dei cittadini, ma deve essere il luogo per pazienti con situazioni acute e potenzialmente gravi, non può sostituire la medicina del territorio e continuare a essere sovraffollato.

“ATTACCHI SCOMPOSTI SUL PIANO PERSONALE E ACCUSE FALSE DA PASTORELLI. SMENTIRE SUBITO” - BORI (PD) RISPONDE AL CAPOGRUPPO DELLA LEGA

 

(Acs) Perugia, 14 maggio 2021 – “Quando manca la politica, la discussione si sposta sul piano personale con attacchi scomposti e insinuazioni false, oltre che decisamente fuori luogo, che mal si addicono al dibattito politico di livello regionale e ad una realtà come l’Umbria”. Così il capogruppo del Partito democratico, Tommaso Bori, rispondendo alla Lega “sulle critiche alle liste dei ‘riservisti’”. (https://tinyurl.com/zajh54pb). “Impossibile criticare un qualcosa che non esiste”.

“IL CONSIGLIERE BORI VACCINATO GRAZIE ALLE LISTE DI RISERVISTI CHE OGGI CRITICA” - PASTORELLI (LEGA): “UMBRIA MEGLIO DELLA TOSCANA NELLE VACCINAZIONI, LO DICONO I NUMERI”

(Acs) Perugia, 14 maggio 2021 - “Trovo davvero paradossale che il consigliere del Pd Tommaso Bori arrivi a criticare il sistema umbro di ‘riservisti’ del vaccino, considerato che è stato proprio grazie a quel sistema se lui ha potuto vaccinarsi già nel mese di gennaio. Il consigliere Bori è stato tra le prime persone a vaccinarsi in Umbria. Lo ha fatto molto prima di tanti novantenni e di tanti ottantenni”: lo afferma il capogruppo della Lega, Stefano Pastorelli.

“VALORIZZAZIONE E POTENZIAMENTO OSPEDALE DI ASSISI, PROGETTO DA DEFINIRE ALL’INTERNO DEL PIANO SANITARIO REGIONALE” - LA SODDISFAZIONE DI PASTORELLI (LEGA) PER APPROVAZIONE MOZIONE

 

(Acs) Perugia, 12 maggio 2021 - Il capogruppo regionale della Lega, Stefano Pastorelli, esprime “soddisfazione” per l’approvazione, ieri in Aula, della mozione a sua prima firma, sulla “valorizzazione e il potenziamento dell’ospedale di Assisi, progetto da definire all’interno del Piano sanitario regionale”.

L’atto – ricorda Pastorelli - impegna la Giunta e l’assessore Luca Coletto a “valutare con attenzione, per eventuali investimenti nelle attività del nosocomio, il potenziale di mobilità attiva extra regionale, che apporterebbe benefici al bilancio della Regione”.