Tu sei qui

sanità

SANITÀ: “QUANDO E CON QUALI CRITERI LA REGIONE NOMINERÀ IL NUOVO DIRETTORE GENERALE DELLA ASL1?” - UNA INTERROGAZIONE DI LIGNANI MARCHESANI (PDL) DOPO IL NUOVO INCARICO CONFERITO A EMILIO DUCA

(Acs) Perugia, 27 gennaio 2011 - “L'Esecutivo regionale spieghi quali saranno le modalità per l'individuazione del nuovo direttore generale della Asl n.1, specificando i criteri di scelta con cui si potrebbe procedere e la relativa tempistica, visto che Emilio Duca attualmente ricopre tre incarichi di primaria importanza e che, di conseguenza, la Asl n.1 (che copre territorialmente una parte importante della regione, come l’Alto Tevere umbro e l’Eugubino-Gualdese) rischia oggettivamente di vedere la sua guida apicale amministrativa ridimensionata”.

SANITA’: “METTERE IN ATTO LE INIZIATIVE PER LA PREVENZIONE COERENTI CON IL PIANO SANITARIO REGIONALE” – PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEI CONSIGLIERI MONACELLI (UDC) E ZAFFINI (FLI)

  (Acs) Perugia, 13 dicembre 2010 – I consiglieri regionali Sandra Monacelli (Udc) e Franco Zaffini (Fli) hanno presentato una proposta di Risoluzione attraverso la quale chiedono al Consiglio regionale di impegnare la Giunta a “mettere in atto strumenti di prevenzione, in coerenza con le linee strategiche del Piano sanitario regionale 2009-2011, volti ad attivare una rete dei servizi di riabilitazione e di interventi di assistenza riabilitativa all'interno dei livelli uniformi di assistenza previsti dal Piano Sanitario Nazionale”.

SANITÀ REGIONALE: “AGENZIA UNICA SENZA APICALITÀ, PREVENZIONE MIRATA SUGLI ADOLESCENTI, NON AUTOSUFFICIENZA AL VIA E RIMEDIO PER LE LISTE DI ATTESA” - LA PRESIDENTE MARINI ASCOLTATA IN TERZA COMMISSIONE

(Acs) Perugia 7 dicembre 2010 – Nei prossimi anni la pur buona sanità umbra, che a livello nazionale si colloca fra le prime cinque Regioni per qualità dei servizi e fra le prime due capaci di coprire i costi di gestione con le risorse trasferite dal Fondo sanitario nazionale, non avrà altri spazi di recupero sul versante spesa e dovrà fare i conti con trasferimenti sempre più ridotti. Che sono cresciuti nell'ultimo triennio meno dell'inflazione, per una cifra complessiva nel 2009 di 17 milioni di euro, la più bassa di sempre.

SANITA’: “NEL NOSTRO SISTEMA SANITARIO UN GRADO DI INEFFICIENZA SOMMERSA DEL 19,7 PER CENTO, PARI A UN COSTO DI 155,3 MILIONI DI EURO” – NEVI (PDL) COMMENTA I DATI DEL RAPPORTO “ERMENEIA”

(Acs) Perugia, 3 dicembre 2010 – “I dati sulla qualità della spesa degli ospedali pubblici confermano quanto andiamo sostenendo da qualche tempo noi del Pdl: in Umbria abbiamo un buon servizio sanitario ma anche un grado di inefficienza sommersa del 19,7 per cento, pari a un costo di 155,3 milioni di euro”.

GESTIONE DELLA SPESA SANITARIA IN UMBRIA: “LA MANCATA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO DI ACCOGLIENZA CREA CONFLITTUALITÀ ED OPACITÀ” - MONACELLI (UDC) INTERROGA LA GIUNTA

(Acs) Perugia 30 novembre 2010 – L'informatizzazione del sistema sanitario per il monitoraggio della spesa e per la verifica di adeguatezza e appropriatezza delle prestazioni in Umbria continua ad essere un terreno altamente conflittuale, che inchioda al palo la nostra regione mettendo in luce, un evidente conflitto di poteri sulla gestione delle risorse destinate alla sanità.

SANITA’: “ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFERMANO NOSTRE PREOCCUPAZIONI. LA REGIONE INDAGHI SULLO ZOOPROFILATTICO” – NOTA DI DOTTORINI (IDV)

(Acs) Perugia, 26 novembre 2010 - “Lo stato di agitazione delle organizzazioni sindacali conferma e avvalora le nostre preoccupazioni sulla corretta gestione dell’Istituto Zooprofilattico. La riorganizzazione prevista, che parte dalla preoccupazione di salvaguardare le figure apicali, per giunta prevedendo un nuovo primariato, è quanto di più sbagliato si possa immaginare, soprattutto alla luce delle vicende di Sanitopoli”.

SANITA’: “COSA INTENDE FARE LA GIUNTA NEL RISPETTO DEGLI IMPEGNI ANNUNCIATI PER LA REALIZZAZIONE DELL’OSPEDALE DI NARNI E AMELIA?” – INTERROGAZIONE DI MONACELLI (UDC)

(Acs) Perugia, 26 novembre 2010 – Il capogruppo dell’Udc in Consiglio regionale Sandra Monacelli ha presentato un’interrogazione a risposta scritta per sapere “quali sono i reali intendimenti circa il rispetto degli impegni precedentemente annunciati per la realizzazione dell’Ospedale di Narni Amelia e che, a seguito delle recenti disposizioni organizzative, stanno producendo gravi depotenziamenti sia nella struttura ospedaliera di Amelia che in quella di Narni”.