Tu sei qui

sanità

SANITA’: “AMBULATORIO PRIVATO EFFETTUA ESAMI NON AUTORIZZATI” - ZAFFINI (FD'I) INTERROGA L’ESECUTIVO

(Acs) Perugia, 2 maggio 2013 - “In Regione sembra che nessuno si sia accorto che un ambulatorio privato a cui è stata rilasciata autorizzazione per eseguire esami di risonanza magnetica articolare con macchinario a tale scopo appropriato, ne ha, invece, installato uno tale da consentire esami diagnostici anche sulla colonna vertebrale, in evidente violazione di quanto consentito dalla procedura autorizzativa”. Lo afferma il capogruppo di Fratelli d’Italia, Franco Zaffini, illustrando un’interrogazione che ha per oggetto le anomalie sull’erogazione delle prestazioni sanitarie e sulla ‘procedura di autorizzazione’ del Centro medico Cairoli di Gubbio.

INTRAMOENIA: “RITIRARE IL TICKET PER RIPRISTINARE I LIVELLI QUALITATIVI DEI SERVIZI E L’EQUITÀ TRA I CITTADINI” - ZAFFINI (FARE ITALIA) ANNUNCIA LA PRESENTAZIONE DI UNA MOZIONE

(Acs) Perugia, 14 dicembre 2012 - “Sospendere urgentemente, in via cautelativa, il superticket sulle prestazioni specialistiche in regime di intramoenia, programmando, al contempo,  un suo definitivo ritiro. È questa è l’unica strada da seguire sia per arginare i problemi di natura giuridica che ne sono derivati, ma soprattutto per ripristinare i livelli qualitativi delle prestazioni erogate dal servizio sanitario regionale”.

SANITÀ: “ALL'OSPEDALE DI PANTALLA UNA NUOVA RISONANZA MAGNETICA MENTRE LA ASL 2 NE ACQUISTA ALTRE DUE PER QUELLO DI PERUGIA” - MONNI (PDL) “NECESSARIO RAZIONALIZZARE I COSTI”

(Acs) Perugia, 6 dicembre 2012 - “All'ospedale di Pantalla arriva la nuova risonanza magnetica. Tra pochi giorni infatti verrà inaugurato il nuovo servizio che costerà alla Asl 2 di Perugia ben oltre un milione di euro. Se si considera che sempre la Asl 2 sta acquistando per l'ospedale di Perugia altre due apparecchiature analoghe, è evidente come si tende a spendere e spandere denaro pubblico senza tener conto di una minima razionalizzazione ed ottimizzazione dei costi e delle spese”.

DECRETO 'BALDUZZI': “TOMASSONI RIFERISCA IN TERZA COMMISSIONE SU POSTI LETTO E SERVIZI OSPEDALIERI” - PER ZAFFINI (FARE ITALIA) “LA RIFORMINA SANITARIA DA POCO APPROVATA' RIVELA TUTTA LA SUA INEFFICACIA”

(Acs) Perugia, 16 novembre 2012 - “La bozza del decreto 'Balduzzi' con l’indicazione dei nuovi standard sul numero dei posti letto nelle strutture pubbliche e private convenzionate azzera, di fatto, l’ospedalità privata convenzionata in Umbria, visto che non esiste nessuna clinica privata con più di ottanta posti letto: vengono così a mancare gli oltre 230 posti attualmente convenzionati e circa seicento posti di lavoro. L’assessore alla sanità Tomassoni riferisca, con urgenza, circa le ripercussioni che potrebbero da ciò prodursi sul sistema sanitario regionale”.

SANITA': “CONOSCERE TEMPI E MODI PER L'ATTRIBUZIONE NELLE NUOVE ASL DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI DI STRUTTURA COMPLESSA E DI COORDINAMENTO DEI DIPARTIMENTI” - INTERROGAZIONE DI LIGNANI (PDL)

(Acs) Perugia, 8 novembre 2012 – Il consigliere Andrea Lignani Marchesani (Pdl) interroga la Giunta regionale per sapere, conseguentemente all'approvazione del Decreto Balduzzi (Decreto Legge n. 158 del 13/09/2012), che toglie alle Asl la possibilità di nominare i direttori di “Struttura complessa” attraverso l’articolo 15-septies (prevista invece dal Decreto Bindi, D. Leg..

OSPEDALE DI BRANCA: “IL PRESIDIO RIMANGA POLO DELL'EMERGENZA-URGENZA. NECESSARIO RIDURRE I TEMPI DI ATTESA PER VISITE E DIAGNOSTICA” - INTERROGAZIONE URGENTE DI GORACCI (COMUNISTA UMBRO)

(Acs) Perugia, 30 ottobre 2012 - Rassicurazioni circa il mantenimento del ruolo dell'ospedale di Branca quale polo dell'emergenza/urgenza, e azioni per la riduzione dei tempi di attesa per visite, esami e controlli: è quanto chiede il consigliere regionale Orfeo Goracci (Comunista umbro) con una interrogazione urgente rivolta alla presidente della Regione e all'assessore alla Sanità.

SANITÀ: “METTERE LA CONVENZIONE CON L'UNIVERSITÀ A DISPOSIZIONE DI TUTTI I CONSIGLIERI PER UNA ANALISI PRIMA DI QUALSIASI CONFRONTO” - MONNI (PDL) CHIEDE ALLA PRESIDENTE MARINI L'ACCESSO AGLI ATTI

(Acs) Perugia, 4 settembre 2012 - “La Giunta regionale ha approvato gli atti riguardanti la riforma della sanità in Umbria che sembrerebbero sostenere misure di riordino, razionalizzazione e contenimento dei servizi e della spesa. Niente da dire se le scelte fatte dall'esecutivo umbro determinassero una maggiore stabilizzazione dell'intero sistema regionale già fortemente provato dalla crisi. Ma per arrivare ad un riordino efficace ed efficiente della sanità regionale sono necessari grande senso di responsabilità e dibattito fra tutte le rappresentanze politiche, istituzionali e sociali, per costruire una posizione condivisa”.