Tu sei qui

m5s

REGIONE UMBRIA: “SI PROCEDE A DUE VELOCITÀ: SOLERTI CON LE INDENNITÀ, LENTISSIMI A FORNIRE DOCUMENTI” - LIBERATI (M5S): “NOI UNICA FORZA A FISSARE 'AB ORIGINE' I TAGLI ALLA POLITICA”

(Acs) Perugia 30 giugno 2015 - “L'Umbria è una Regione a due velocità: lentissima nel convocare la prima seduta dell'Assemblea legislativa, nell’organizzare gli uffici dei consiglieri del Movimento a 5 Stelle e nel fornire i documenti. Solerte invece nel pagare le indennità, seppure in assenza di ricezione della busta paga”. Lo afferma il consigliere regionale Andrea Liberati (capogruppo M5S) sottolineando, rispetto alla questione dell'accesso agli atti, che “l’articolo 4 del regolamento interno prevede che i consiglieri regionali debbano ottenere le carte 'con la massima tempestività e comunque non oltre dieci giorni' dalla richiesta”.

REGIONE UMBRIA: “CHI È ALL’ORIGINE DEI PROBLEMI, QUANDO MAI LI RISOLVE?” - NOTA DI LIBERATI (M5S) SULLA PRIMA RIUNIONE DELLA "NUOVA" GIUNTA MARINI

(Acs) Perugia, 29 giugno 2015 - “La Giunta Marini rappresenta interessi molto particolari: autentici disvalori che si traducono in una pessima gestione amministrativa contro cui il M5S lotterà in ogni sede”. È questa la valutazione del capogruppo del Movimento cinque Stelle all'Assemblea legislativa dell'Umbria, Andrea Liberati, in riferimento alla prima seduta dell'Esecutivo di Palazzo Donini, riunitosi questa mattina.

POLITICA: “FUORI DAL NUOVO UFFICIO DI PRESIDENZA PERSONE CON PRECEDENTI GIUDIZIARI” - LIBERATI (M5S): “BASTA ANCHE CON CHI HA GIÀ DIRETTO I GRUPPI CONSILIARI”

(Acs) Perugia, 26 giugno 2015 - “Ora che abbiamo la data ufficiale della prima convocazione dell'Assemblea, slittata ulteriormente al 9 luglio, in merito al nuovo Ufficio di presidenza del Consiglio regionale chiediamo che i partiti espungano sia gli eletti con problemi giudiziari, indagati o sotto processo in primo grado e fasi successive, sia coloro che hanno diretto in passato i gruppi consiliari”: lo dice il consigliere regionale Andrea Liberati (M5s), ricordando come quella del Movimento 5 stelle sia “la seconda lista più votata in Umbria, con i suoi candidati puliti, portavoce dei cittadini e unico presidio politico a garanzia della buona amministrazione, da Bruxelles al più piccolo dei Comuni, passando per Perugia”.

REGIONE UMBRIA: “SOLITE LOGICHE CLIENTELARI E SPERPERO DI RISORSE NELLA SCELTA DEI DIRIGENTI" - LIBERATI (M5S) ANNUNCIA UNA INTERROGAZIONE ALL'ASSESSORE BARTOLINI PER “BLOCCARE UN BANDO SU MISURA”

(Acs) Perugia, 26 giugno 2015 - “Si tratta di una nuova figura dirigenziale fortemente remunerata e totalmente inutile, viste le decine e decine di manager già esistenti nella nostra pletorica Regione, persone adatte a svolgere la stessa attività”. Lo afferma il capogruppo del Movimento a 5 stelle all'Assemblea legislativa dell'Umbria, Andrea Liberati, facendo riferimento alla delibera della Giunta di Palazzo Donini con cui è stato indetta “una procedura selettiva pubblica per la 'copertura di una posizione dirigenziale Servizio reingegnerizzazione e digitalizzazione dei processi dell’Amministrazione regionale e delle Autonomie locali', tramite l’acquisizione in assegnazione temporanea in posizione di comando di un dirigente appartenente ad altra pubblica amministrazione”.

‎GIOCO D’AZZARDO: “LA 'BOZZA VERGOGNA' DEL GOVERNO CHE FAVORISCE ANCORA LE LOBBY E SVUOTA LE LEGGI REGIONALI IN MATERIA, INCLUSA QUELLA UMBRA APPROVATA SOLO POCHI MESI FA” - NOTA DI LIBERATI (M5S)

 

(Acs) Perugia, 25 giugno 2015 - “Anche la legge regionale sul gioco d'azzardo approvata recentemente dall'Assemblea legislativa dell'Umbria rischia di essere svuotata dalla 'bozza vergogna' sulla delega fiscale del riordino di settore approntata dal governo Renzi. In qualità di neo consiglieri regionali ci mobiliteremo affinché la presidente Marini si faccia sentire, opponendosi con atti concreti, e al più presto, contro tali norme". Lo afferma il consigliere Andrea Liberati (M5S), condividendo “quanto denunciato dai portavoce del movimento in Senato, Giovanni Endrizzi, e alla Camera, Massimo Baroni e Matteo Mantero”.

REGIONE UMBRIA: “IL LITIGIOSO GRUPPO PD UNICO A NON ESISTERE FORMALMENTE” - LIBERATI (M5S) DENUNCIA: “ASSEMBLEA NON CONVOCATA, STIPENDI CHE INTANTO CORRONO, M5S ANCORA SENZA UFFICI”

(Acs) Perugia, 24 giugno 2015 - “Cinque delle sette Regioni andate al voto il 31 maggio hanno già convocato la seduta di insediamento dei nuovi Consigli, inclusa quella Campania che finalmente vedrà De Luca subito sospeso de jure. C’è pure chi, come le Marche, ha iniziato lunedì scorso. In Umbria invece non sono neppure arrivate le raccomandate di convocazione, che devono precedere l'insediamento di almeno sette giorni. Saremo dunque gli ultimi pur essendo stati ufficialmente proclamati per primi dalla Corte d’Appello”. Questa la denuncia del consigliere regionale Andrea Liberati (capogruppo Ms5) che attribuisce le cause del ritardo nell'insediamento alle “difficoltà” del Partito democratico: “A testimoniarlo ci sono le delibere approvate dall'Ufficio di presidenza, che danno atto della costituzione di tutti gli altri gruppi consiliari. Esse mostrano come il gruppo consiliare regionale del Partito democratico tuttora non esista. E sono gli unici a trovarsi in questa grottesca condizione. Un esordio memorabile”.

SANITÀ: “NO A CONFLITTI DI INTERESSE, BASTA CON CERCHI MAGICI E GIOCHINI DI PALAZZO” - LIBERATI (M5S) SULL'IMMINENTE NOMINA DEL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELLA ASL 1

(Acs) Perugia, 23 giugno 2015 - “Il primo anello fondamentale della sanità pubblica, quello della prevenzione, impone massima chiarezza negli assetti organizzativi dei servizi medici e veterinari dei rispettivi dipartimenti. Il nuovo assessore alla sanità ne tenga sin dalla prossima e imminente nomina del direttore di dipartimento di prevenzione della Asl 1, nonché per quelle a seguire”. Lo afferma il capogruppo del Movimento 5 stelle a Palazzo Cesaroni, Andrea Liberati.

Il consigliere regionale spiega che “nessun ulteriore conflitto di interessi sarebbe più ammissibile, a iniziare dalle posizioni apicali: oltre a un'alta e certificata competenza, requisito imprescindibile è l’assenza di conflitto di interessi per tutto il personale, cominciando dalla dirigenza con ruoli di responsabilità gestionale delle unità operative, vista anche la delicatissima funzione di Ufficiali di polizia giudiziaria. Chiediamo quindi – sottolinea - che tali criteri di serietà siano per una volta garantiti nelle Asl umbre”.

LEGALITÀ: “IN UMBRIA LA QUESTIONE MORALE, MAI AFFRONTATA, PRESENTA IL CONTO. PROCEDERE CON LA ROTAZIONE DI DIRIGENTI E FUNZIONARI” - LIBERATI (M5S): “SERVE UN PROTOCOLLO CON L’ANTICORRUZIONE DI CANTONE”

(Acs) Perugia, 22 giugno 2015 - “La Regione Umbria proceda ad un intervento forte, con l’immediata stipula di un protocollo con l'Autorità nazionale anticorruzione (Anac) di Cantone, come già avvenuto nel Lazio”. Lo chiede il capogruppo del Movimento a 5 stelle all'Assemblea legislativa dell'Umbria, Andrea Liberati, auspicando che “si proceda rapidamente alla rotazione degli svariati dipendenti e funzionari regionali ingessati da troppo tempo nei propri uffici, seguendo al riguardo i migliori esempi applicati nel Paese. E che detta rotazione sia reale, non amicale. Che sia autentica, non di facciata. La rotazione di centralinisti, uscieri e pensionandi – continua Liberati - non interessa alcun cittadino, mentre è cruciale accendere un faro su acquisti, servizi, lavori, bandi. E i corrotti siano direttamente allontanati, con richiesta di risarcimento danni. Ma su tutto questo torneremo presto, con esempi assai concreti”.

CORRUZIONE: “BASTA COL FUMO NEGLI OCCHI” - LIBERATI (M5S) CRITICO VERSO IL ‘PROTOCOLLO ANTICORRUZIONE’ SIGLATO TRA PROCURA, COMUNE E PROVINCIA DI TERNI”

 

(Acs) Perugia, 18 giugno 2015 - “Fumo negli occhi. Ammuina. Questa è la reazione di molti ternani e di non pochi osservatori indipendenti dinanzi al ‘Protocollo anticorruzione’ siglato tra la Procura di Terni e il Comune e la Provincia di Terni, peraltro gestiti dalla stessa persona, Leopoldo Di Girolamo”. Lo scrive il consigliere regionale Andrea Liberati (Movimento 5 Stelle) per il quale, “la domanda sorge spontanea: quale credibilità avrebbe questo protocollo, visto che è stato sottoscritto da un politico il cui partito, il PD, è gonfio di soggetti indagati e sotto processo, bellamente ricandidati e appena rieletti in Regione Umbria; talora persino condannati e rimessi comunque in lista, come De Luca in Campania?”

TRASPARENZA: “ALTRO CHE PALAZZO DI VETRO, L'ASSEMBLEA È IN IMBARAZZANTE RITARDO SULLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ONLINE” - LIBERATI (M5S) REPLICA ALLA RISPOSTA DELLA SEGRETERIA GENERALE

(Acs) Perugia, 17 giugno 2015 - “La Segreteria generale dell'Assemblea legislativa dell'Umbria non avrebbe mai consegnato ai cittadini gli atti da noi richiesti in data odierna: questo è il motivo per il quale il sottoscritto e altri non li hanno ovviamente formalmente domandati prima del 31 maggio, avendo avuto poco prima un incontro informale assai istruttivo proprio col Segretario generale dell'Assemblea”. Lo afferma il consigliere regionale Andrea Liberati (Movimento 5 stelle), replicando alla nota della Segreteria generale (http://bit.ly/1Gfo8QN).