Tu sei qui

commissione antimafia

SICUREZZA: “APERTURA DEI CIE A LIVELLO REGIONALE. STRATEGIA CENTRALE: IL RIMPATRIO DEGLI SPACCIATORI EXTRACOMUNITARI CLANDESTINI” - IN COMMISSIONE ANTIMAFIA E TOSSICODIPENDENZE I SINDACATI DI POLIZIA

(Acs) Perugia, 10 ottobre 2013 – “Prevedere l'apertura dei Centri di identificazione ed espulsione (Cie) a livello regionale (contrario il rappresentante dell'Ugl Polizia “perché non risolutivo”), indubbiamente meno costosi e più efficaci rispetto al carcere; perseguire la strategia del rimpatrio nel proprio paese di origine per l'extracomunitario clandestino; Il valore dell'accoglienza e dell'integrazione deve sempre e comunque sposarsi con il rispetto delle regole”. E ancora, “l'altissimo numero di spacciatori è sicuramente legato alla sempre più alta richiesta di sostanze stupefacenti, ma anche alla certezza dell'impunità. Sotto la cenere stanno comunque prendendo vita altre forme di fenomeni legati alla criminalità organizzata”.

SICUREZZA: “LA MAFIA VA FIUTATA, SE LA MONITORI HAI GIÀ PERSO” - NOTA DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE REGIONALE D'INCHIESTA, PAOLO BRUTTI, NELLA GIORNATA DEDICATA ALLE VITTIME

(Acs) Perugia, 21 marzo 2012 - “La mafia va fiutata più che monitorata poiché quando si palesa il danno è già stato fatto. La Commissione regionale, attraverso i suoi membri e i suoi strumenti, come l'Osservatorio e l'imminente sito web, intende ostacolare attivamente il fenomeno dell'infiltrazione mafiosa, insidioso più che mai oggi che la nostra economia è in sensibile difficoltà”. Nella giornata dedicata alla memoria delle vittime di tutte le mafie, Paolo Brutti, presidente della Commissione d'inchiesta sui fenomeni di criminalità organizzata e tossicodipendenze, ribadisce l'impegno suo e dei membri della Commissione (Luca Barberini, Gianluca Cirignoni, Sandra Monacelli, Damiano Stufara) nel “diffondere una cultura antimafia in tutti i settori della vita pubblica, dagli appalti alle licenze commerciali, dai rapporti con gli istituti di credito alle norme per la sicurezza”.

ANTIMAFIA: “UNO SCANDALO AVERE TOLTO LE INDENNITÀ AGLI AGENTI DELLA DIA” - BRUTTI (IDV) CONTRO LE SCELTE NAZIONALI IN MATERIA DI SPENDING REVIEW

(Acs) Perugia, 3 settembre 2012 - “Il governo Monti non finisce mai di deludere. Una mano delicatissima verso banche e lobby e il pugno di ferro su tutto il resto. Adesso ci rimettono perfino gli agenti dell'antimafia che, in cambio di una vita esposta a mille rischi, si vedono tagliare l'indennità di 250 euro al mese, definita una spesa non obbligatoria. Un modo elegante e sobrio per ricordare i trenta anni dall'eccidio del generale Dalla Chiesa”. Paolo Brutti, responsabile dipartimentale dell'Italia dei Valori e presidente della Commissione antimafia del Consiglio regionale, commenta così “l'ultima iniziativa del Governo in termini di spending review”.

INFILTRAZIONI MAFIOSE: “SALDO CONTROLLO DEL TERRITORIO, POPOLAZIONE CULTURALMENTE OSTILE ALLA CRIMINALITÀ” - LA COMMISSIONE DI INCHIESTA DEL CONSIGLIO REGIONALE HA INCONTRATO A TERNI IL COMITATO PROVINCIALE PER L'ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA

(Acs) Perugia, 11 luglio 2012 - Un territorio culturalmente ostile alla criminalità, apparentemente immune dalle infiltrazioni dei grandi gruppi criminali, saldamente sotto il controllo delle istituzioni e delle forze dell'ordine e privo dell'attrattiva imprenditoriale ed economica necessaria al riciclaggio del denaro sporco. Questa la descrizione della provincia di Terni emersa durante l'incontro svoltosi questa mattina a Terni (Palazzo Bazzani) tra la Commissione di inchiesta sulle infiltrazioni mafiose in Umbria e i componenti del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza, presieduto dal prefetto Vittorio Saladino.

COMMISSIONE ANTIMAFIA: DOMANI, MERCOLEDÌ 11 LUGLIO, ORE 10.30, PREFETTURA DI TERNI INCONTRO CON IL COMITATO PER L'ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA

 
(Acs) Perugia, 10 luglio 2012 – La Commissione d'inchiesta sulle infiltrazioni mafiose in Umbria presieduta dal consigliere Paolo Brutti, domani mercoledì 11 luglio, a Terni, nella sede dell'Ufficio territoriale del Governo, alle ore 10.30, incontrerà il Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal Prefetto di Terni Vittorio Saladino . RED/


 


 

DROGA (2): “UTENTI SER.T RADDOPPIATI DOPO IL 1997. RIAFFIORA L'EROINA ANCHE FRA I GIOVANISSIMI” - AUDIZIONE DELLE RESPONSABILI DEI DIPARTIMENTI PER LE DIPENDENZE DELLE QUATTRO ASL

 

(Acs) Perugia, 29 giugno 2012 – La Commissione di inchiesta sulle tossicodipendenze del Consiglio regionale, presieduta da Luca Barberini, ha ascoltato le responsabili dei dipartimenti per le dipendenze delle Asl 1, 2 , 3 e 4: Patrizia Lorenzetti, Claudia Covino, Sonia Biscontini e Mara Gilioni. All'audizione erano presenti anche i consiglieri della Commissione d'inchiesta sulle infiltrazioni criminali, presieduta da Paolo Brutti.