Tu sei qui

MANOVRA FINANZIARIA - “UNA PROPOSTA ESTEMPORANEA, NON ORIENTATA ALLO SVILUPPO E INIQUA PER L’UMBRIA’” – NOTA DI LOCCHI (CAPOGRUPPO PD)

In sintesi

Secondo il presidente del gruppo PD in Consiglio regionale, Renato Locchi, la manovra finanziaria del Governo nazionale è “estemporanea, non orientata allo sviluppo”. Locchi, in particolare critica la logica dei “tagli indiscriminati” che penalizza ancor più quelle regioni come l’Umbria impegnate in questi anni in una gestione “virtuosa” della spesa pubblica.

(Acs) Perugia, 26 maggio 2010 - “La manovra finanziaria approntata dal Governo nazionale è estemporanea, non è orientata allo sviluppo, e risulterà profondamente iniqua per la regione Umbria”. Così il presidente del gruppo PD in Consiglio regionale, Renato Locchi secondo il quale la logica dei “tagli indiscriminati” realizzata dall’Esecutivo “penalizza ancor più quelle regioni che, come l’Umbria, si sono impegnate in questi anni in un’opera di riordino e razionalizzazione della spesa pubblica”. L’esponente del PD spiega poi che nei Comuni dell’Umbria, nelle due Province e nella stessa Regione ogni ulteriore riduzione della spesa avrebbe come duplice risultato quello di “mettere a repentaglio quei servizi essenziali rivolti ai cittadini e alle famiglie più esposte alla crisi, e di ridurre ulteriormente le già scarse misure da destinare al sostegno delle imprese”. Una particolare valutazione critica viene poi espressa da Locchi sulla parte della manovra riguardante la cosiddetta “sanatoria edilizia”: “Si tratta in realtà di un autentico condono mascherato – afferma il presidente del gruppo PD – i cui presunti ricavi a beneficio dell’Umbria sarebbero prossimi allo zero. E questo perché nella nostra regione c’è storicamente un attento controllo sull’attività edilizia, frutto anche – spiega – di un protagonismo civico e di una correttezza sostanziale dei cittadini umbri”. Locchi, infine, assicura l’impegno “pieno e convinto” del gruppo PD a sostenere tutte le azioni che la Giunta regionale intraprenderà “per proseguire nel lavoro già avviato per qualificare sempre più la propria politica finanziaria, avendo come obiettivo irrinunciabile e non mediabile lo sviluppo, in un quadro di forte equità sociale”. RED/tb  
Data:
Mercoledì, 26 Maggio, 2010 (Tutto il giorno)

Tag per ACS

Free tag

Share page with AddThis