Tu sei qui

TRASPORTI: “I TAGLI ALLE CORSE DEGLI AUTOBUS SONO UNA SCELTA AUTONOMA DEL COMUNE DI PERUGIA” - CASCIARI (PD): “LA REGIONE HA RIEQUILIBRATO I CONTI DEL TPL CON FONDI DEL PROPRIO BILANCIO”

In sintesi

Secondo Carla Casciari (Pd) la responsabilità del taglio di alcune corse degli autobus di linea non è della Regione, come avrebbe affermato l’assessore del Comune di Perugia Merli, ma dello stesso Comune, perché “come ha precisato l’assessore regionale ai trasporti, Giuseppe Chianella, ‘la Regione Umbria, dopo aver riequilibrato i conti del trasporto pubblico del 2019, riequilibrio coperto solo con fondi del bilancio regionale, ha dato indicazione a Comuni e Busitalia di ripristinare tutte le corse programmate alla ripresa delle scuole e sospese nei mesi di luglio ed agosto’”. 

(Acs) Perugia, 11 settembre 2019 - “Decisamente comodo scaricare su altri enti le proprie responsabilità e spiace smentire l’assessore del Comune di Perugia Merli che attribuisce alla Regione la colpa del taglio degli autobus, ma in qualità di consigliere regionale è mio dovere farlo, perché i cittadini hanno il diritto di essere informati”: lo afferma il consigliere regionale del PD, Carla Casciari, secondo la quale “questa volta la coperta che copre le magagne dell’amministrazione del  Comune di Perugia è rimasta davvero corta, visto che, come ha precisato l’assessore regionale ai trasporti, Giuseppe Chianella, ‘la Regione Umbria, dopo aver riequilibrato i conti del trasporto pubblico del 2019, riequilibrio coperto solo con fondi del bilancio regionale, ha dato indicazione a Comuni e Busitalia di ripristinare tutte le corse programmate alla ripresa delle scuole e sospese nei mesi di luglio ed agosto”. 

“I tagli di circa 50mila chilometri, come precisato dall’assessore Chianella, voluti dal Comune di Perugia sui suoi servizi aggiuntivi, sono dunque una scelta autonoma dello stesso ente, dovuti a problemi che attengono al bilancio del Comune di Perugia. Quindi gentilissimo assessore Merli – afferma Casciari – ci metta la faccia e vada lei dalle persone anziane che vivono a Corso Cavour o Borgo XX Giugno (tanto per citare alcune zone rimaste senza autobus) che da oggi, se vorranno andare a fare la spesa in centro o comprare le medicine in una farmacia di Corso Vannucci o Piazza Matteotti, oppure perché no, fare semplicemente una passeggiata, dovranno, magari con le buste della spesa, inerpicarsi da Piazza Cavallotti per Via Maestà delle Volte. Troppo comodo caro assessore Merli, affermare che la colpa è della Regione se da oggi molti persone anziane di Perugia saranno limitate nella loro vita indipendente, così come lo saranno le famiglie, i lavoratori e i giovani che vivono in quei quartieri del capoluogo umbro non più serviti in modo fluido dal trasporto pubblico locale. Proprio quel trasporto pubblico che un’amministrazione evoluta e che ha cuore la crescita e lo sviluppo della propria città, dovrebbe garantire. Ma è già evidente – conclude - che non è stata compresa la differenza tra la campagna elettorale e il governare”. RED/pg     

Data:
Mercoledì, 11 Settembre, 2019 - 13:45

Tag per ACS

Free tag

PD
Share page with AddThis