Tu sei qui

SANITÀ: “RAPPORTO 2017 SU SALUTE MENTALE IN ITALIA METTE IN LUCE CRITICITÀ E GRAVI CARENZE DEI SERVIZI IN UMBRIA RISPETTO A QUADRO NAZIONALE” - DE VINCENZI (MISTO-UN) ANNUNCIA INTERROGAZIONE

In sintesi

Il consigliere regionale Sergio De Vincenzi (Misto-Un) commenta con preoccupazione Il Rapporto nazionale 2017 sulla salute mentale in Italia che metterebbe in luce criticità e gravi carenze dei servizi sanitari in ambito di salute mentale in Umbria rispetto al quadro nazionale. E nell’annunciare in proposito una interrogazione alla Giunta regionale, De Vincenzi  sottolinea come “la spesa sanitaria per la salute mentale in Umbria costituisce il 4,65 per cento del totale, a fronte del dato medio nazionale che è di 3,42 per cento, ma a fronte delle problematicità evidenziate si rende necessario spendere meglio e ottimizzare queste risorse”. 

(Acs) Perugia, 7 maggio 2018 - “Il Rapporto nazionale 2017 sulla salute mentale in Italia (pubblicato nella collana ‘Quaderni di epidemiologia psichiatrica SIEP N. 1/2017’), ripreso in alcuni articoli del Sole24Ore, mette in luce la criticità e le gravi carenze dei servizi sanitari in ambito di salute mentale nella nostra regione rispetto al quadro nazionale”. È quanto rileva il consigliere regionale Sergio De Vincenzi (Misto-Umbria next) che aggiunge: “la spesa sanitaria per la salute mentale in Umbria costituisce il 4,65 per cento del totale, a fronte del dato medio nazionale che è di 3,42 per cento, ma a fronte delle problematicità evidenziate si rende necessario spendere meglio e ottimizzare queste risorse”. 

E nell’annunciare una interrogazione alla Giunta regionale per conoscere quali siano gli intendimenti per “fronteggiare questa che va considerata come una vera e propria emergenza sanitaria”, De Vincenzi rimarca come per la disponibilità di posti letto, “siamo a -53,40 per cento per 100mila abitanti rispetto. All’ospedale di Perugia vi sono a disposizione soltanto 17 posti letto che accolgono indistintamente malati psichiatrici di tutte le età. Si attesta a  -41,80 per cento per 100mila abitanti, invece, la dotazione di personale specializzato rispetto alla media nazionale.  Questo – aggiunge -, tradotto in prassi, indica come nei nostri territori vi sia un costante clima di emergenzialità e di impossibilità di pianificazione delle operazioni di presa in carico e cura dei malati psichiatrici. Inoltre il costo pro-capite per la spesa mentale è di oltre il 34 per cento e l’incidenza di tale spesa sul Fondo Sociale Europeo (FSR) supera il 33 per cento rispetto alla media nazionale”. 

Per De Vincenzi si tratta di “numeri allarmanti che mostrano nettamente due dati di fatto: il primo mette in luce l’Umbria come una fra le regioni che spende maggiori risorse economiche in ambito di sanità mentale, sopratutto per l’acquisto di medicinali utilizzati in psichiatria (è la quarta regione in classifica per consumo di psicofarmaci, come rilevato nel Rapporto Osserva salute 2015). Il secondo dato evidente – continua -  è che nonostante l’ingente spesa sanitaria messa in campo, la nostra regione non riesce a gestire puntualmente questo fenomeno, con politiche adeguate per far fronte in modo determinante a questo grave problema che, in definitiva, comporta risvolti di natura sociale. A supplire di questa carenza programmatica e strutturale vi sono le strutture residenziali convenzionate e private che hanno aumentato il loro volume di accoglienza del 139,60 per cento”. 

“Per questo motivo – commenta -, sollecitati dalle molte associazioni che quotidianamente si occupano nei nostri territori di dare voce al disagio delle famiglie di pazienti psichiatrici (Cittadinanzattiva Umbria, TDM Umbria, Coraggio, Amici di Kaos, Progetto Itaca, Madre Coraggio, Joy&Co, Le fatiche d'Ercole, Liberi di essere Rosa) e che hanno preso parte al tavolo tematico sulla salute mentale, istituito dall’assessorato alla sanità per la stesura del nuovo Piano Sanitario regionale, presenteremo un’interrogazione per conoscere le azioni che l’Esecutivo regionale vorrà mettere in campo”. RED/as

Data:
Lunedì, 7 Maggio, 2018 - 15:00

Tag per ACS

Free tag

Share page with AddThis