Tu sei qui

QUESTION TIME (8): “CONTRIBUTI PER INTERVENTI PREVENZIONE SISMICA SU EDIFICI PRIVATI” - A SMACCHI (PD) RISPONDE ASSESSORE CHIANELLA “SPERIAMO DI POTER SBLOCCARE FONDI NEL PROSSIMO ASSESTAMENTO DI BILANCIO”

(Acs) Perugia, 19 marzo 2019 – Nel corso della sessione Question time della seduta di oggi dell’Assemblea legislativa il consigliere Andrea Smacchi (Pd) ha chiesto all’assessore Giuseppe Chianella di sapere “quando saranno sbloccati i 6milioni di euro di avanzo iscritti a bilancio per interventi di prevenzione sismica su edifici privati, necessari per finanziare le 65 domande dichiarate ammissibili, finanziate e da 3 anni in attesa di contributo”.

Nell’illustrazione del suo atto ispettivo, Smacchi ha ricordato che “la Regione, con una delibera del 2016, ha impegnato 3milioni 260mila euro per interventi di prevenzione del rischio sismico su edifici privati per finanziare 65 richieste di contributo dichiarate ammissibili. Gli interventi riguardano cinque comuni: otto interventi a Città di Castello per oltre 381mila euro, 48 interventi a Gubbio per circa 2milioni e mezzo, uno a Montone per 20mila euro, due a Pietralunga per circa 60mila euro, sei a Umbertide per circa 300mila. A seguito del sisma del 2016 queste risorse sono state destinate in via prioritaria per far fronte alla fase dell'emergenza. A gennaio 2019 sono state liberate solo le risorse dell'avanzo vincolato di amministrazione destinate dalla Giunta al miglioramento sismico delle scuole. Vi sono 6milioni di euro di avanzo iscritti a bilancio per interventi di prevenzione sismica su edifici privati ancora da sbloccare. È necessario svincolare questa parte di avanzo vincolato per far si che queste 65 domande possano essere finanziate al più presto. Non dobbiamo dimenticare che l'Umbria è una regione ad alto tasso di pericolosità sismica con oltre il 50per cento del territorio contraddistinto e classificato come zona ad alto rischio sismico. È fondamentale, per ridurre le conseguenze drammatiche di un terremoto, attuare una politica di prevenzione sismica volta ad evitare o a ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni conseguenti ad eventi sismici”. 

Nella risposta l’assessore Chianella ha detto di augurarsi “che nel prossimo assestamento di bilancio questi sei milioni in avanzo vincolato possano essere reiscritti nel loro capitolo di spesa e messi a bilancio per poter completare la graduatoria. In questo modo potremo continuare l’attività di prevenzione sismica per la tutela del patrimonio privato in cui la Regione è da anni fortemente impegnata. La manovra di bilancio 2019-2021, infatti, a seguito dell’accordo Stato-Regioni dell’ottobre 2018 prevede investimenti per 54milioni di euro per lo sviluppo e la crescita del territorio. Questo accordo, quindi, prevede la possibilità di svincolare le risorse in avanzo di amministrazione per consentire investimenti. Tuttavia l’accordo non comprendeva investimenti su edifici privati ma solo su opere pubbliche. Pertanto è stato chiesto lo svincolo dei circa 7milioni di euro per interventi di prevenzione sismica su edifici pubblici di rilevanza strategica. Di questi sono stati ottenuti circa 4milioni 750mila euro che sono stati impegnate per il finanziamento del Palazzo della Provincia di Perugia che è anche sede della Prefettura. Un intervento di miglioramento sismico dell’edificio che oltre a preservare un bene di straordinaria valenza storica, aumenta anche la performance della gestione delle emergenze, essendo un edificio strategico”. 

Nella sua replica Smacchi si è detto soddisfatto della risposta dell’Assessore perché “ci consente di guardare con ottimismo al breve periodo. Ribadisco la necessita in una regione da alto grado sismico come la nostra, di poter usare queste risorse. Risorse che sono cofinanziate dai privati e che quindi potranno mettere un circolo milioni di euro, vitali per il settore dell’edilizia in forte crisi soprattutto nella fascia appenninica”. DMB/

Data:
Martedì, 19 Marzo, 2019 - 13:30

Tag per ACS

Free tag

PD
Share page with AddThis