Tu sei qui

QUESTION TIME (6) SANITÀ: “OSPEDALE NARNI – AMELIA” – A PAPARELLI E BORI (PD) RISPONDE ASSESSORE COLETTO: “GIUSTA COLLOCAZIONE NELLA NUOVA PIANIFICAZIONE”

(Acs) Perugia, 7 luglio 2020 – Nella sessione riservata al Question time della seduta odierna dell’Assemblea legislativa, i consiglieri Fabio Paparelli e Tommaso Bori (Pd) hanno posto un’interrogazione all’assessore alla Sanità, Luca Coletto in merito all’Ospedale Narni-Amelia. Nello specifico hanno hanno domandato alla Giunta regionale “se intende, ed entro quali tempi, portare all'attenzione del Consiglio regionale il nuovo Piano Sanitario regionale, che prevede tra l'altro l'integrazione degli Ospedali di Narni e Amelia nell'azienda ospedaliera di Terni e con quali eventuali modifiche. Ed ancora, “se è intenzione della nuova Giunta portare a termine il progetto del nuovo ospedale così come risulta dall'iter amministrativo in atto, mettendo una parola definitiva sulla vicenda e sulle polemiche seguite, nell'interesse esclusivo delle comunità interessate, prevedendo anche nel prossimo bilancio triennale la previsione dei 2milioni necessari per le opere infrastrutturali correlate alla viabilità connessa, coma da intese con la precedente Amministrazione regionale”.

Nell’illustrazione dell’atto, Bori ha evidenziato tra l’altro, che “la precedente Giunta regionale ha preadottato il nuovo Piano sanitario regionale nel 2019. Esso prevede l'inserimento degli ospedali di Narni ed Amelia ed il futuro polo nell'azienda ospedaliera di Terni, al fine di realizzare una vera integrazione dei servizi, di contribuire al decongestionamento dell’Ospedale di Terni e all'abbattimento delle liste di attesa. Inoltre dopo 11 anni dal primo ricorso, si è finalmente conclusa la vicenda relativa agli espropri dei 12 mila metri quadrati necessari alla realizzazione del nuovo ospedale. Il progetto dell’ospedale Narni-Amelia è un’opera infrastrutturale fondamentale e strategica per il territorio della Provincia di Terni, che rappresenta uno dei più grandi investimenti pubblici regionali, per cui sono già stati stanziati circa 58milioni di euro e spesi circa 1,5 milioni per il progetto esecutivo. Si tratta di una struttura che punta a modernizzare il servizio e mantenere le elevate competenze di professionisti e operatori sanitari già impegnati nei due ospedali esistenti, oltre a rappresentare un’occasione di sviluppo per il tessuto sociale ed economico del territorio. Il nuovo complesso ospedaliero rappresenta un punto fondamentale della rete ospedaliera umbra che integra e completa l'ospedale di alta specialità di Terni, in particolare sul versante della riabilitazione e della media-bassa specialità oltre che svolgere le funzioni di ospedale di territorio, rappresentando così anche un importante presidio in termini di attrazione extra regionale. Ma secondo quanto riportato dagli organi di stampa l’assessore alla Sanità, Coletto sembra voler mettere in discussione la realizzazione del nuovo ospedale Nami-Amelia, affermando che deve essere fatta un'attenta valutazione del progetto, legata ad un'analisi generale di tutto il sistema ospedaliero regionale”.

L’assessore Coletto ha risposto che “Il progetto del nuovo ospedale di Narni-Amelia ha circa 20 anni. Un progetto sofferto che ha visto molte cause pendenti con le ultime risolte poco tempo fa. Gli stanziamenti che vengono da lontano sono da riverificare. Va soprattutto verificata lo sopportabilità di un mutuo che si deve caricare la Asl 2 e vanno fatte ulteriori verifiche circa la viabilità. c’era un accordo tra Asl, Regione, Provincia di Terni che dispone l’impegno delle parti a garantire la sistemazione dell’accessibilità del nuovo ospedale rinviando ad un successivo protocollo di intesa la individuazione degli interventi per l’adeguamento della viabilità e la definizione dei necessari finanziamenti. Su questo era scritto chi si faceva carico di che cosa, ora il tutto è rinviato. La Asl 2 ha chiesto la convocazione del Collegio di vigilanza sull’esecuzione ed attuazione dell’accordo dell’ottobre 2017 in riferimento all’avanzato stato di progettazione esecutiva, sia rispetto all’incontro tra l’Azienda e la Provincia di Terni in merito all’accessibilità dell’ospedale, sia per il completamento dell’iter procedurale finalizzato all’individuazione del soggetto chiamato ad effettuare le operazioni di verifica per la successiva validazione dell’opera. L’Azienda ha anche comunicato che è in fase di elaborazione la progettazione esecutiva dell’ospedale, utile per la richiesta di finanziamento al Ministero della Salute. Questo ospedale dovrà trovare la giusta collocazione, i giusti posti letto, che dovranno discendere dalla nuova pianificazione e dalla nuova gestione dell’Azienda ospedaliera di Terni. Il progetto dovrà essere rivisto e concordato con tutti i portatori di interesse. Il sistema sanitario umbro dovrà essere un sistema integrato. Gli ospedali generici che fanno tutto rappresenta una situazione superata”.

È stato Fabio Paparelli a replicare: “si continua a non dare risposte. Si continua a parlare soltanto al futuro. Si era giunti alla conclusione dell’iter e non vorremmo che si ricominciasse daccapo. Abbiamo una visione chiara sull’assetto della sanità dell’Umbria del sud. Con la auspicata messa a disposizione del meccanismo europeo di stabilità, pensiamo che le risorse vadano utilizzate per completare e modernizzare la rete dei servizi, in particolare la realizzazione del nuovo ospedale della Conca ternana, il nuovo ospedale di Narni-Amelia. Sul tema del quando la Giunta intende portare il Piano sanitario regionale in adozione in Consiglio regionale non abbiamo ancora notizia. Vorremmo sapere se nel bilancio di previsione i 2milioni previsti per le opere infrastrutturali siano o meno previsti”. AS/

Data:
Martedì, 7 Luglio, 2020 - 12:45

Tag per ACS

Free tag

PD
Share page with AddThis