Tu sei qui

PRIMA COMMISSIONE: ASSESTAMENTO BILANCIO 2018-2020, SICUREZZA URBANA, RICOSTRUZIONE – I LAVORI DI OGGI

In sintesi

La Prima Commissione consiliare ha proseguito l’esame dell’assestamento del bilancio di previsione 2018-2020 della Regione Umbria e di quello dell’Assemblea legislativa. Ha poi approvato all’unanimità l’integrazione dalla Giunta alla programmazione 2017/2018 della sicurezza urbana. Inoltre è stato rimesso il parere alla Seconda commissione sul disegno di legge per la ricostruzione delle aree colpite dal sisma.

 

(Acs) Perugia, 18 luglio 2018 – La Prima Commissione dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, presieduta da Andrea Smacchi, ha proseguito l’esame dell’assestamento del bilancio di previsione 2018-2020 della Regione Umbria e di quello dell’Assemblea legislativa, che erano state illustrate nella seduta precedente (https://tinyurl.com/y7ghs8hm; https://tinyurl.com/y7o27n3h). È stata, poi, approvata all’unanimità l’integrazione proposta dalla Giunta alla programmazione 2017/2018 in materia di sicurezza urbana per favorire l’impiego dei richiedenti asilo in attività di volontariato. Inoltre è stato rimesso il parere alla Seconda commissione sul disegno di legge della Giunta per la ricostruzione delle aree colpite dal sisma.

In particolare, all’ASSESTAMENTO DEL BILANCIO di previsione 2018-2020 della Regione Umbria sono stati presentati tre emendamenti: due della Giunta di natura tecnica, ed uno sui ‘lavori di competenza regionale in regime di delega amministrativa’ presentato da Smacchi (Pd) e sottoscritto anche da Maria Grazia Carbonari, Andrea Liberati (M5S), Gianfranco Chiacchieroni (Pd), Roberto Morroni (FI), Claudio Ricci (Misto/Rp-Ic), Silvano Rometti (SeR) e Attilio Solinas (Misto-Mdp). L’emendamento propone l’utilizzo della delega amministrativa da parte della Regione Umbria per le realizzazione e la gestione di opere pubbliche, come quelle idrauliche, di bonifica integrale e di irrigazione. Per la manutenzione ordinaria e straordinaria di queste attività possono essere individuati i Consorzi di bonifica, le Comunità montane, le agenzie regionali e altri enti locali. A questi vengono riconosciute le spese generali sostenute per le attività tecnico amministrative.

L’integrazione della programmazione 2017/2018 in materia di SICUREZZA URBANA allarga la possibilità di finanziamento ai progetti per l’impiego dei richiedenti protezione internazionale e umanitaria in attività di volontariato. Una volta che il provvedimento sarà approvato dall’Aula, la Regione firmerà un protocollo di intesa con le Prefetture di Perugia e Terni, l’Anci e l’assessorato al sociale per favorire la libera e volontaria partecipazione dei richiedenti asilo ai progetti di pubblica utilità. L’assessore Fabio Paparelli ha spiegato che “molti comuni già lo fanno ma spesso, soprattutto quelli piccoli, non riescono a finanziare assicurazioni o comprare alcune attrezzature per svolgere questi piccoli lavori. Queste può diventare una buona prassi a livello regionale, anche per aiutare i richiedenti asilo in un percorso di integrazione”. DMB/

Data:
Mercoledì, 18 Luglio, 2018 - 16:45

Tag per ACS

Free tag

Share page with AddThis