Tu sei qui

“MISURE DI CONTENIMENTO PER FRONTEGGIARE L’ECCESSIVA PRESENZA DEI CORMORANI NEL LAGO TRASIMENO” – PULETTI E MANCINI (LEGA) ANNUNCIANO INTERROGAZIONE

(Acs) Perugia, 7 aprile 2022 – “Autorizzare misure di contenimento e prelievo selettivo per fronteggiare l’eccessiva presenza dei cormorani nel Lago Trasimeno, nei bacini idrici e lungo i corsi d’acqua umbri”. È quanto chiedono alla Giunta i consiglieri regionali della Lega Manuela Puletti e Valerio Mancini, annunciando la presentazione di una interrogazione nella quale domandano all’Esecutivo di Palazzo Donini di “prendere in considerazione la possibilità di avviare l’iter per questa autorizzazione”. 

“In Umbria – spiegano Puletti e Mancini - l’eccessivo proliferare dei cormorani sta determinando una perdita sempre più rilevante di pesce a disposizione delle aziende ittiche lacustri e dei pescatori. Inoltre le deiezioni di questa specie contengono un parassita che, depositandosi sui fondali del Lago Trasimeno, entra nel ciclo vitale dei pesci e ne altera sensibilmente la salute e il comportamento. Ultimamente il numero di cormorani in Umbria è considerevolmente aumentato e attualmente si contano seimila esemplari, divenuti oramai una specie stanziale che annualmente nidifica sulle rive del Lago Trasimeno. Ma sono presenti anche in altri laghi, come il Faldo a Montone, e il Gatti a Narni, tanto che la problematica ha assunto una portata di natura regionale”.

“La normativa comunitaria sulla conservazione degli uccelli selvatici consente deroghe per prevenire gravi danni alle colture, al bestiame, ai boschi, alla pesca e alle acque. Le norme nazionali e regionali prevedono che le Regioni possano attivare azioni di controllo delle specie, anche nelle zone dove vige il divieto di caccia, per tutelare le loro produzioni zoo-agro forestali ed ittiche. Tanto è vero che alcune regioni italiane, come la Lombardia, il Veneto, l’Emilia Romagna e la Liguria, vivendo la stessa problematica, hanno attivato le procedure autorizzative per il controllo selettivo del cormorano. Pertanto – concludono - si rende necessaria e non più rinviabile anche in Umbria l’attuazione di misure di contenimento e prelievo selettivo, per limitare i danni che i cormorani stanno arrecando all’economia locale e all'equilibrio dell’ecosistema in cui si sono insediati”. DMB/

 

Data:
Giovedì, 7 Aprile, 2022 - 11:15

Tag per ACS

Free tag

Share page with AddThis