Tu sei qui

EDILIZIA: “LOCAZIONI E ANOMALIE NEL COMUNE DI BETTONA” - LIBERATI (M5S) CHIEDE L’INTERVENTO DELLA CORTE DEI CONTI

In sintesi

Il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Andrea Liberati informa di avere richiesto alla Corte dei Conti di “verificare la correttezza dei provvedimenti adottati dalla Giunta comunale di Bettona in favore di un privato cittadino, relativamente al contratto d’affitto e a lavori svolti su immobile di proprietà comunale e se tali atti hanno determinato un danno economico alle casse comunali”.

(Acs) Perugia, 4 dicembre 2018 – Il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Andrea Liberati informa di avere richiesto alla Corte dei Conti di “verificare la correttezza dei provvedimenti adottati dalla Giunta comunale di Bettona in favore di un privato cittadino, che sarebbe il cognato di un assessore comunale, relativamente al contratto d’affitto e a lavori svolti su immobile di proprietà comunale e se tali atti hanno determinato un danno economico alle casse comunali”. Liberati chiede inoltre di “accertare con quali atti e provvedimenti si è determinata la riduzione del canone di locazione mensile che nel 2014 era di 596,10 euro riducendolo a 488 iva compresa come risulta nella deliberazione della Giunta municipale numero 85 del 19.5.2018”. 

“Con la deliberazione numero 85/2018 – spiega il consigliere - la Giunta comunale di Bettona accettava la richiesta di mediazione avanzata dal titolare di un contratto d’affitto stipulato nell’anno 2002, per l’uso di un bene immobile della superficie di 120 metri quadri, con destinazione commerciale (Bar), con un canone di affitto mensile di 420 euro, per un canone annuale di 5.040 euro. All’articolo 5 del contratto di locazione è scritto: ‘sono a carico dell’affittuario le spese di manutenzione straordinaria tra cui la realizzazione della nuova pavimentazione dei locali… la manutenzione ordinaria e le piccole riparazioni… e dei lavori di manutenzione straordinaria che verranno autorizzati… sono altresì a carico del locatario tutti i lavori d’innovazione e sicurezza…’. All’articolo 6 ‘è fatto obbligo alla stessa di non apportare modifiche e migliorie salvo quelle già autorizzate alla cosa locata se non dopo aver fatto ed ottenuto espressa richiesta. Resta inteso che tutte le opere che saranno eseguite dal conduttore dell’immobile con il consenso del locatore, verranno gratuitamente cedute da quest’ultimo al termine della locazione’”.

“Con delibera della Giunta comunale numero 72 del 17.4.2018 – prosegue - viene deciso di partecipare al tavolo di mediazione richiesto dal cittadino per il riconoscimento delle spese di manutenzione straordinaria apportate e il riconoscimento della compensazione del canone d’affitto non riscosso dal Comune. Con delibera numero 85 del 29.5.2018, nonostante il parere negativo tecnico/contabile espresso dal responsabile dell’Area finanziaria, la Giunta approva la possibilità di un accordo ritenuto vantaggioso per l’amministrazione comunale e la Giunta riconosce al conduttore un credito per migliorie apportate pari a 9.939,20 euro da scomputare dal credito vantato dal Comune pari ad 21.516,75 euro, oltre 2.497,00 euro per tari non pagata per gli anni 2016-2017 e 1.003,00 euro per arretrati”. RED/pg

Data:
Martedì, 4 Dicembre, 2018 - 12:15

Tag per ACS

Free tag

Share page with AddThis