Tu sei qui

AFFARI ISTITUZIONALI: “BENE PROPOSTA GIUNTA SU MAGGIORE AUTONOMIA REGIONE” - PRESIDENTE PORZI “ASSEMBLEA LEGISLATIVA DIA FORZA E ULTERIORE SOSTANZA A PROPOSTA CHE RILANCIA REGIONALISMO”

In sintesi

“Maggiore autonomia per la Regione Umbria”: la presidente dell’Assemblea legislativa, Donatella Porzi interviene nel merito del documento proposto dalla Giunta regionale e illustrato ieri in Prima Commissione e sottolinea il “grande valore politico-istituzionale”. Porzi ritiene che il confronto sui temi dei nuovi livelli di autonomia della Regione costituisca “un’occasione importante, sia per la maggioranza che ha  l’occasione  di suggerire un tema di discussione pubblica di altissimo profilo, sia  per l’opposizione che potrà contribuire alla ridefinizione ormai indifferibile, di un nuovo regionalismo”. 

(Acs) Perugia, 4 maggio 2018 - “Ha un grande valore politico-istituzionale il documento approvato dalla Giunta con cui si propone l’attivazione delle procedure per l'attribuzione alla Regione Umbria di ulteriori forme di autonomia, secondo quanto previsto dall’articolo 116 della Costituzione. E nel corso della discussione pubblica che avrà luogo nelle Commissioni e in Aula sarà compito dell’Assemblea legislativa dare forza e ulteriore sostanza a questo atto, per far sì che assuma il rilievo di un forte e convinto contributo al rilancio del regionalismo”. Così la presidente dell’Assemblea legislativa, Donatella Porzi che interviene in merito all’atto (https://goo.gl/CnC17v ) che il 18 aprile scorso ha iniziato il proprio iter a Palazzo Cesaroni e che ieri è stato illustrato in Prima Commissione dall’assessore Antonio Bartolini.

Secondo la presidente Porzi, le materie stesse sulle quali si vuol intervenire  hanno un valore “strategico” nella vita dell’Umbria: “beni culturali e paesaggistici; istruzione e formazione; salute; protezione civile e prevenzione sismica. Su tutti questi comparti – spiega - l’esperienza dell’Umbria ha assunto un particolare valore, e la qualità stessa dell’azione politico-amministrativa esercitata fanno sì che la nostra Regione possa avere le ‘carte in regole’ per vedersi riconoscere la maggiore autonomia che merita e per contribuire a semplificare e rendere più efficaci le proprie azioni”. 

“L’iniziativa dell’Umbria – ricorda Porzi - arriva dopo quella della Lombardia e del Veneto, attivate con un referendum regionale, e dell’Emilia Romagna che ha preso il via da un’iniziativa dell’Esecutivo fatta propria dall’Assemblea. Negli ultimi due anni, inoltre, gli Esecutivi e le Assemblee delle  Regioni Marche, Toscana e Umbria e in parte anche Lazio, hanno avviato un confronto sul tema dell’integrazione programmatica che può accompagnare e rendere più efficaci le iniziative miranti all’allargamento dell’autonomia”.

“Viviamo tempi difficili  sotto il profilo politico e istituzionale – sottolinea la presidente Porzi – in cui è difficile realizzare livelli adeguati di confronto tra maggioranza e opposizione e, sovente, sintesi efficaci a livello di Esecutivi. Malgrado ciò – conclude – sono convinta che l’occasione costituita  dal confronto sui temi dei nuovi livelli di autonomia della Regione possa costituire un’occasione importante, sia per la maggioranza che ha  l’occasione  di suggerire un tema di discussione pubblica di altissimo profilo, sia  per l’opposizione che potrà contribuire alla ridefinizione ormai indifferibile, di un nuovo regionalismo”. RED/tb

Data:
Venerdì, 4 Maggio, 2018 - 09:15

Tag per ACS

Free tag

Share page with AddThis