Tu sei qui

Sergio De Vincenzi

OSPEDALE “SANTA MARIA DELLA STELLA”: “UN INGIUSTIFICATO BLOCCO DEI CONCORSI STA PARALIZZANDONE L’OPERATIVITÀ” - DE VINCENZI (MISTO-UN): “ATTIVARSI CON URGENZA PER RIPORTARE FUNZIONALITÀ ALLA STRUTTURA”

(Acs) Perugia, 23 agosto 2019 – Il consigliere regionale Sergio De Vincenzi (gruppo misto-Umbria next) chiede al presidente della Giunta Paparelli e al commissario straordinario dell’ASL Umbria 2 Braganti di “attivarsi con urgenza per consentire all’ospedale ‘Santa Maria della Stella’ di Orvieto una piena funzionalità che in questo momento manca, un’assenza che sta compromettendo drasticamente il lavoro di ottimi professionisti e l’espletamento dei servizi necessari per i cittadini che meritano, invece, tutta la nostra attenzione e ai quali vorrei continuare a dedicare il mio personale impe

SANITÀ: “LA GIUNTA DEVE FUGARE IN MODO DEFINITIVO OGNI DUBBIO SULLO STATO DI SALUTE DELL'ASL UMBRIA 1 E DELLE ALTRE AZIENDE SANITARIE” - NOTA DI DE VINCENZI (MISTO-UN)

(Acs) Perugia, 2 agosto 2019 – “Chiediamo al presidente della Giunta, Fabio Paparelli e all'assessore alla Sanità, Antonio Bartolini, di prendersi la responsabilità di fugare in modo definitivo ogni dubbio circa lo stato di salute dell'Asl Umbria 1 e delle altre aziende sanitarie, restituendo un quadro della situazione reale, scevro da ogni inutile trionfalismo”. È quanto dichiara il consigliere regionale Sergio De Vincenzi (misto-Umbria Next).

SANITÀ: “LUNEDÌ PROSSIMO A VILLA UMBRA TORNA ALLA RIBALTA IL PIANO SANITARIO REGIONALE: UN ALTRO TEATRO DELL’ASSURDO DELLA GIUNTA” - DE VINCENZI (MISTO-UN) “AL VOTO A FINE NOVEMBRE, SENZA PROROGHE ”

(Acs) Perugia, 24 luglio 2019 - “Lunedì 29 luglio, almeno sembra, andrà in scena a Villa Umbra l’ennesimo episodio di un teatro dell'assurdo: come un coniglio che esce dal cilindro del mago, così torna alla ribalta, in piena ondata di calura, il nuovo Piano sanitario regionale. Un miraggio? Un colpo di calore? Un’insolazione della Giunta tutta? Senz’altro una situazione decisamente paradossale e comica, se non fosse profondamente offensiva nei confronti dell'istituzione regionale prossima alle elezioni”.

SOCIALE: “SIAMO ORMAI BEN OLTRE L’ALLARME, CORRERE AI RIPARI PER RIPORTARE 50MILA FAMIGLIE UMBRE OLTRE IL LIVELLO DELLA SOPRAVVIVENZA” - NOTA DI DE VINCENZI (MISTO UN) SUL RAPPORTO POVERTÀ IN UMBRIA 2019

(Acs) Perugia, 16 luglio 2019 - “Il 14,4 per cento delle famiglie vive in povertà relativa, due punti percentuali in più rispetto all’anno passato. In termini assoluti si stima che 50mila nuclei familiari vivano in uno stato costante di crisi. Le prime a farne le spese sono le famiglie monoreddito. Un ‘esercito’ di 150mila cittadini risucchiati dalle sabbie mobili della povertà. A pagare salato, in modo particolare, i minori e i giovani per i quali sono precluse tutte quelle risorse e condizioni necessarie per affrancarsi da una prospettiva senza futuro”.

MINORI: “IPOCRITA CHI SIEDE SULLE POLTRONE DELLE ISTITUZIONI REGIONALI E VERSA LACRIME SULLE VICENDE DI REGGIO EMILIA” - NOTA DI DE VINCENZI (MISTO)

(Acs) Perugia, 11 luglio 2019 - “È ipocrita chi siede sulle poltrone delle istituzioni regionali e versa lacrime sulle vicende riguardanti l’assistenza di minori a Reggio Emilia, perché l’inerzia e le discrasie dei nostri servizi per minorenni si devono anche a loro”. Così il consigliere regionale Sergio De Vincenzi (Misto – Umbria Next) secondo il quale i fatti che stanno emergendo da quell’inchiesta evidenziano “il sempre incombente rischio di realtà che lasciano emergere gestioni non limpide dei minori fuori famiglia.

REGIONE UMBRIA: “SULL’INOPPORTUNO BANDO PER SEI DIRIGENTI ORA ANCHE UNA LETTERA ANONIMA, INOLTRATA ALLA PROCURA” - NOTA DI DE VINCENZI (MISTO UN)

(Acs) Perugia, 27 giugno 2019 - “Nei giorni scorsi ho ricevuto per posta ordinaria, a Palazzo Cesaroni, una lettera anonima che getta nuova luce sul bando dei sei dirigenti in Regione, un bando che non avevo esitato a bollare come inutile, costoso, dalle modalità sospette e pertanto assolutamente da sospendere”.

SANITÀ: “VIGILI DEL FUOCO E ALTRE FORZE DELL’ORDINE COSTRETTE A PAGARE IL TICKET IN CASO DI INFORTUNIO IN SERVIZIO” - DE VINCENZI (MISTO-UN): “BASTEREBBE UNA DELIBERA DI GIUNTA PER ATTIVARE L’ESENZIONE”

(Acs) Perugia, 17 giugno 2019 - “Basterebbe una delibera di Giunta, di ‘civiltà’, sulla scia di altre regioni italiane come Liguria ed Emilia Romagna, per consentire alle forze dell’ordine di accedere ai pronto soccorso ospedalieri della nostra Regione in caso di infortunio sul lavoro in codice bianco, senza il pagamento del ticket.