Tu sei qui

orfeo goracci

DIABETE: “STILI DI VITA E ALIMENTAZIONE” - DOMANI GORACCI (CU) PARTECIPERÀ AL CONVEGNO DI GUBBIO

 

(Acs) Perugia, 27 novembre 2014 – “Domani, venerdì 28 novembre, parteciperò a Gubbio, nella doppia veste di consigliere regionale e di persona che convive da oltre 30 anni con la patologia del diabete, all'iniziativa 'Stili di vita e alimentazione' che vede tra i relatori figure di spessore nazionale e internazionale come i professori Bolli, Roda e Tonato. Oltre ad ascoltare dei luminari nei campi delle patologie di riferimento, questa è un'occasione di riflessione istituzionale per essere sempre più al passo con le esigenze di decine e decine di migliaia di umbri che soffrono delle patologie associate al diabete”. È quanto dichiara il consigliere regionale Orfeo Goracci (Comunista Umbro).

CULTURA: “IL MEMORIALE AI CADUTI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE SIA VALORIZZATO E RESO ACCESSIBILE A TUTTI” - UNA LETTERA DI GORACCI (CU) AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA SULLE LAPIDI DI PIAZZA ITALIA

(Acs) Perugia, 24 novembre 2014 - “La Provincia di Perugia ospita, nel proprio cortile, il Memoriale ai Caduti della Prima Guerra Mondiale, in forma di pietre in marmo bianco di Carrara, collocate sui muri e sulle colonne del porticato, recanti i nomi dei cittadini umbri che perirono nel conflitto, comune per comune. Un patrimonio di enorme valore che non può certo essere confinato nell'alveo della pura e semplice musealità, ma che parla ancora all'oggi, ad una realtà contemporanea tragicamente segnata, a 100 anni di distanza, da innumerevoli e sanguinosi conflitti in tutto il pianeta”. Lo afferma il consigliere regionale Orfeo Goracci (Comunista umbro), che in proposito ha inviato una lettera al presidente della Provincia di Perugia, Nando Mismetti, suggerendo di “riprodurre le lapidi stesse senza deteriorarle e senza metterne in pericolo l'integrità, rendendole accessibili, nella loro pregnanza civile e storica, a tutta la collettività nei territori di riferimento, in ogni comune della nostra provincia”.

GUBBIO: “LA CHIUSURA E LA VETRIFICAZIONE DELLE LOGGE DEI TIRATORI RAPPRESENTANO LO STRAVOLGIMENTO DI UN MONUMENTO FONDAMENTALE PER L'IDENTITÀ DELLA CITTÀ” - NOTA DI GORACCI (COMUNISTA UMBRO)

(Acs) Perugia, 21 novembre 2014 - “Gli accorgimenti per funzionalizzare le Logge dei Tiratori possono essere tanti e di questo si può, e si deve, discutere. L'indiscutibile forzatura è la vetrificazione del loggiato: il cuore del problema sta nel decidere se quello spazio deve essere chiuso o rimanere aperto, concetto di una semplicità disarmante. Per il resto si può ragionare di tutto: ma se si decide di chiudere con le vetrate, si ottiene solo lo stravolgimento di un monumento che è così da secoli e secoli e che rappresenta la parte fondamentale dell'identità e del cuore del centro di Gubbio”. Lo dichiara Orfeo Goracci, consigliere regionale Comunista umbro, annunciando che domenica 23 novembre parteciperà “con grande interesse ed estrema attenzione al Convegno indetto per trattare il tema, tanto dolente quanto combattuto, della riqualificazione e rifunzionalizzazione delle Logge dei Tiratori di Gubbio”.

AMBIENTE: “DI NUOVO DRAMMATICAMENTE SOTTO I RIFLETTORI LA QUESTIONE DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO” - GORACCI (COMUNISTA UMBRO) AUSPICA UN'AZIONE DELLA REGIONE UMBRIA PER UN PIANO NAZIONALE

(Acs) Perugia, 17 novembre 2014 - “La Regione Umbria si faccia portatrice, in ambito nazionale, dell'esigenza di un grande Piano di risanamento idrogeologico, foriero di benessere reale e di sviluppo tangibile per tutti”. È questo l'auspicio espresso da Orfeo Goracci, consigliere regionale Comunista umbro, che evidenzia: “La prevenzione e il buon governo del territorio, devono rappresentare un modello dal punto di vista operativo e funzionale, ma anche del risparmio di risorse che si ottiene ponendoli in essere. Un euro speso saggiamente in prevenzione, impedisce di spenderne altri dieci per calamità e sciagure. Di questa giusta spending review però non si parla mai: i Governi, siano essi di centrosinistra o centrodestra, preferiscono investire altrove, sciupando risorse preziose e condannando così i territori, specie quelli marginali, ad un'irreversibile e preoccupante decadenza”.

E45: “IL GOVERNO DEI POTERI FORTI DÀ IL VIA LIBERA ALLA TRASFORMAZIONE IN AUTOSTRADA. LA REGIONE SI CHIUDE NEL SILENZIO, ACCETTA E DIMENTICA L'EMERGENZA 'CONTESSA'" – NOTA DI GORACCI (CU)

(Acs) Perugia, 14 novembre 2014 - “Non sono serviti a nulla, a quanto pare, i pur importanti e vincolanti pronunciamenti (primo tra tutti, quello della Corte dei Conti) contro la trasformazione della E45 in autostrada. Il Governo Renzi, in sede Cipe, ha dato il via libera alla decisione, nel quadro degli atti volti alla realizzazione della Orte-Mestre, opera che reca in dono a chi la eseguirà (e non saranno le piccole e medie imprese) qualcosa come 8,7 miliardi di euro”. Lo evidenzia il consigliere regionale Orfeo Goracci (Comunista umbro), secondo cui “si può scommettere che se la Corte dei Conti e altri autorevoli organismi avessero pronunciato un analogo no su questioni e scelte adottate a vantaggio dei cittadini, il Governo se ne sarebbe fatto scudo per bloccare tutto invocando la 'forza maggiore'. In questo caso si parla di una grande opera che foraggia il grande capitale, quindi vale la regola opposta: si va avanti come panzer. Del resto, un vecchio adagio recita: 'chi paga sceglie la musica'”.

GIUDICE DI PACE: “LA CANCELLAZIONE DI QUESTO UFFICIO È L'ENNESIMO SCIPPO AL TERRITORIO DI GUBBIO” - GORACCI (CU) RILEVA “L'IMMOBILISMO TOTALE DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE”

 

(Acs) Perugia, 12 novembre 2014 - “Il decreto del Ministro Orlando e pubblicato l'11 novembre 2014, sancisce la cancellazione dell'Ufficio del Giudice di Pace a Gubbio. Dopo la soppressione della Sezione distaccata del Tribunale, va in onda in questa città un'altra puntata dello smantellamento dei servizi. E in quest'operazione tutta a sottrarre, in compagnia di Gubbio si trovano Gualdo Tadino, Assisi, Montefalco, Amelia, Narni”. Così il consigliere regionale Orfeo Goracci (Comunista umbro) che punta il dito contro l'Amministrazione comunale eugubina e il suo sindaco responsabili, a suo dire, di aver fatto solo atti “simbolici” e di non aver “mosso un dito” per evitare il taglio di alcuni servizi della città dei Ceri.

ALBERGHIERO GUBBIO: “NON CALI L'ATTENZIONE E SI DIANO LE RISPOSTE CHE LA CITTÀ E L'INTERO TERRITORIO ESIGONO” - NOTA DI GORACCI (CU)

(Acs) Perugia, 6 novembre 2014 - “Dopo l'assordante silenzio seguito alla chiusura dell'assessore Casciari sull'istituzione a Gubbio di un indirizzo scolastico alberghiero in risposta all'interrogazione presentata in Aula dal sottoscritto, anche il sindaco Stirati e alcuni esponenti della sua maggioranza hanno fatto sentire la loro voce sull'esigenza di istituire l'alberghiero a Gubbio. Bisognerebbe che all'interno della 'casa madre' del PD, nelle sue varie anime, si interloquisse di più e meglio onde avere una linea comune almeno su questioni che riguardano l'avvenire della città e che debbono esulare da qualsiasi battaglia correntizia”. Lo sostiene il consigliere regionale Orfeo Goracci (Comunista umbro).

LEGGE ELETTORALE: “CRONACA E CRITICA DI UN DISASTRO ANNUNCIATO, CON PROPOSTE PER EVITARLO” - GORACCI (COMUNISTA UMBRO) SU “INTERESSE COLLETTIVO E APPETITI DEI FORCHETTONI"

(Acs) Perugia, 4 novembre 2014 - “Si è entrati, e non poteva essere diversamente, nel vivo del confronto sul riassetto del sistema elettorale regionale, ma, come è ormai purtroppo consuetudine nei salotti della politica che va per la maggiore, il momento istituzionale opportuno di confronto su pesi, contrappesi ed equilibri della nuova legge tarda ad affacciarsi”. Lo rileva il consigliere regionale Orfeo Goracci (Comunista umbro) rilevando che “prevalgono, in maniera schiacciante, la prepotenza e l'arroganza del Pd, rispetto alle quali impallidisce perfino la tracotanza democristiana dei tempi della 'Legge truffa' e dei 'forchettoni' pronti a papparsi tutto (correva l'anno 1953)”. E aggiungendo “mi dichiaro ancora una volta fermamente contrario ad ogni ipotesi di legge elettorale tarata sugli interessi del Pd e di qualche altro soggetto e non orientata a dare a questa Regione governabilità reale, unita a rappresentanza ed efficacia del funzionamento dei meccanismi istituzionali.

AGROALIMENTARE: “INCENTIVARE FILIERA CORTA E PRODOTTI TIPICI LOCALI” - MOZIONE DI GORACCI (CU)

 

(Acs) Perugia, 3 novembre 2014 – “Attivare incentivi alla diffusione più estesa possibile della filiera corta in ambito agro-alimentare e alla protezione dei prodotti tipici locali”. È quanto chiede in una mozione all'Esecutivo di Palazzo Donini il consigliere regionale Orfeo Goracci (Comunista umbro), con la quale chiama le istituzioni pubbliche a “giocare un ruolo guida nella definizione di progetti che conducano alla massima diffusione dei percorsi di filiera corta, con prodotti certificati o comunque garantiti, nelle mense aziendali come in quelle pubbliche, nei ristoranti come nei pubblici esercizi ove siano comunque presenti forme di approvvigionamento alimentare”.