Tu sei qui

istat

IMPOSTE: “L'ISTAT CALCOLI LE TASSE REALI CON I PARAMETRI 'TASSE INTEGRATE PER FAMIGLIA' E 'TASSE IMPRESE ADDETTO'” - MOZIONE DI RICCI (RP)

(Acs) Perugia, 28 ottobre 2015 – “La Giunta di Palazzo Donini solleciti la conferenza Stato Regioni, affinché l'Istat elabori un nuovo parametro, il Tif (Tasse Integrate per Famiglia) e cioè la somma di tutte le tasse che agiscono in un anno sulla famiglia, attivate da Governo, Regione, Provincia, Comune di residenza nonché imposte da altri Enti. Questo parametro dovrebbe portare trasparenza evitando, come già avvenuto e che potrebbe verificarsi anche nel 2016, che il Governo diminuisca virtualmente le tasse, pagando le misure attuate togliendo risorse a Regioni e Comuni che, a loro volta, saranno costretti ad aumentare le tasse”. Lo chiede, con una mozione, il consigliere regionale Claudio Ricci (Ricci presidente).

ECONOMIA: “DIFFICOLTÀ ECONOMICHE E TERRITORI IN CRISI, I DATI ISTAT CONFERMANO I TIMORI” - PER SMACCHI (PD) “FAMIGLIE E PENSIONATI SONO ORMAI DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NATURALI”

 

(Acs) Perugia, 30 settembre 2014 - “La crisi economica, oltre a seminare miseria e precarietà, ha ridisegnato completamente la mappa della ricchezza e la sua distribuzione. In Umbria il numero dei pensionati in rapporto alle persone in età lavorativa è del 48,6 per cento, decisamente superiore al dato nazionale (41,7 per cento)”. Lo evidenzia il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) commentando i “significativi i dati pubblicati dall'Istat sui trattamenti pensionistici e sui beneficiari rispetto alla collocazione territoriale”.

“I dati – spiega l'esponente del PD – ci dicono che i 'nonni' contribuiscono in modo consistente al sostentamento economico delle famiglie dei propri figli e segnala un deciso cambiamento nelle abitudini degli umbri. Molti famigliari inoltre, data la difficoltà di arrivare a fine mese si sostituiscono alle badanti prestando personalmente servizio ai propri anziani, oppure rinunciano all'asilo per i propri bambini lasciandoli ai nonni durante l’attività lavorativa che è sempre più incerta”.

ISTAT/POVERTÀ: “ALLARMANTI I DATI UMBRI. INEFFICACI LE POLITICHE ATTIVATE: LA PRESIDENTE MARINI RIFERISCA IN AULA” - PER CIRIGNONI (LEGA NORD) “SULL'AUMENTO DEL NUMERO DELLE FAMIGLIE INDIGENTI PESA L'ELEVATA IMMIGRAZIONE”

(Acs) Perugia, 19 luglio 2012 – Il capogruppo regionale della lega Nord, Gianluca Cirignoni interviene a commento dei dati forniti dall'Istat sulla povertà in Italia e dice che “alla luce del preoccupante numero delle famiglie umbre in condizioni di 'povertà relativa', quasi raddoppiato rispetto al 2010 e schizzato ben sopra la media dei dati di Toscana e Marche, riteniamo che come proposto dal capogruppo del Pdl Nevi la presidente Marini debba urgentemente riferire al Consiglio regionale”.

ECONOMIA: “DAL DOSSIER ISTAT EMERGONO DATI DA APPROFONDIRE PER CALIBRARE AL MEGLIO GLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LE DIFFICOLTÀ DELLE FAMIGLIE UMBRE” - NOTA DI SMACCHI (PD)

(Acs) Perugia, 18 novembre 2010 – “In Umbria esiste un problema di difficoltà oggettiva per tante famiglie, circa il 12 per cento, che nell’ultimo biennio purtroppo è andato aggravandosi. E, nello specifico, l'Alta Umbria registra una serie di dati negativi preoccupanti”. È questa, per il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd) la fotografia che ci consegnano i dossier Istat sull’Umbria (periodo 2003 – 2008) e i rapporti dell’Acli e della Cgil sullo stato della tenuta economica e sociale.