Tu sei qui

gianluca cirignoni

E45: “SODDISFAZIONE PER RIPENSAMENTO GOVERNO SU PROGETTO DI TRASFORMAZIONE IN AUTOSTRADA” - NOTA DI CIRIGNONI (GRUPPO MISTO)

 

(Acs) Perugia, 8 aprile 2015 – “Prendo atto con soddisfazione del ripensamento del Governo sul faraonico e dannoso progetto di trasformazione in autostrada della E45. Auspico che sul futuro della Orte-Ravenna, la strada maestra degli umbri, la politica regionale e nazionale incominci a riflettere seriamente per cercare una soluzione ai problemi legati al degrado di quella che è per l'Umbria la spina dorsale della viabilità”. È quanto dichiara il consigliere regionale Gianluca Cirignoni (gruppo misto).

PERUGIA SOCIAL FILM FESTIVAL: “INCONCEPIBILE CHE LO SPOT DI UN EVENTO PATROCINATO DALLA REGIONE OFFENDA LA CITTÀ DI TERNI” - NOTA DI CIRIGNONI (GRUPPO MISTO)

 

(Acs) Perugia, 8 aprile 2015 - “Auspico che venga ritirato immediatamente lo spot del 'Perugia Social Film Festival', nel quale appare una scritta offensiva verso Terni. Una città che con la sua industriosità e laboriosità ha contribuito in maniera determinante a far crescere l'Umbria e gli umbri”. Lo scrive in una nota il consigliere regionale Gianluca Cirignoni per il quale “è  inconcepibile che uno spot, per un evento di rilevo nazionale, patrocinato dalla Regione Umbria, sia stato realizzato con tanta leggerezza ed approssimazione”.

Per Cirignoni, in conclusione, “non bastano le scuse del direttore artistico per una svista davvero insolita e inconcepibile nella realizzazione di uno spot del quale vorrei conoscere il costo”. RED/as 

POLITICA: “NECESSARIO UN SERIO E FORTE IMPEGNO PER L'ALTOTEVERE UMBRO” - CIRIGNONI (MISTO) AUSPICA, PER LA PROSSIMA LEGISLATURA, MAGGIORE ATTENZIONE ALLE PICCOLE IMPRESE E AL COMPARTO TABACCO


(Acs) Perugia, 28 marzo 2015 - “La legge elettorale regionale 'truffa' (approvata dal Pd e votata purtroppo anche da qualche membro dell'opposizione) e la riduzione dei consiglieri regionali porteranno alla ulteriore marginalizzazione dei territori periferici rispetto alle città e ai comprensori di Perugia e Terni. Per questo ritengo che, tra i punti principali del governo regionale nella prossima legislatura, ci debba essere un serio e forte impegno per l'Altotevere umbro”. Lo afferma il consigliere regionale Gianluca Cirignoni (misto).

SPESE REGIONE: “ALTRI 45 MILA EURO STANZIATI DALLA GIUNTA PER MANIFESTI PUBBLICITARI E AFFISSIONI” - CIRIGNONI (MISTO) CRITICA L'ESECUTIVO PER “IL COSTO DI QUESTA CAMPAGNA ELETTORALE DISSIMULATA”

(Acs) Perugia, 27 marzo 2015 - “Nonostante i richiami e gli inviti rivolti alla Giunta regionale affinché non venissero sprecati soldi pubblici per una inutile campagna pubblicitaria dell'attività amministrativa svolta nella legislatura, la governatrice continua imperterrita a spendere decine di migliaia di euro per commissionare quintali e quintali di poster e manifesti da affiggere in tutta l'Umbria”. Lo denuncia il consigliere regionale Gianluca Cirignoni (gruppo misto) spiegando che “recentemente (con determina dirigenziale n.1212 del 6 marzo 2015) l'Esecutivo di Palazzo Donini ha affidato l'ennesimo appalto per la realizzazione di manifesti pubblicitari e conseguente affissione, spendendo ulteriori 45mila euro che, sommati ai 196.470 già spesi a fine 2014, fanno lievitare il costo di questa 'campagna elettorale dissimulata', ad oltre 240mila euro”.

E45: “INGIUSTO E ANTIDEMOCRATICO NON ASCOLTARE IL COMITATO 'NO AUTOSTRADA'” - CIRIGNONI (MISTO): “IL FUTURO È IN UNA GESTIONE PUBBLICA TRA REGIONI, CON L'UMBRIA CAPOFILA”

(Acs) Perugia, 21 marzo 2015 - “In qualità di membro fondatore del comitato 'E45 Pubblica gratuita', mi unisco al collega consigliere Dottorini nel condannare l'atteggiamento pilatesco assunto  dalla  Seconda commissione consiliare in merito alla petizione contro la trasformazione in autostrada della E45, sottoscritta da oltre 8mila500 cittadini, me compreso”: lo dice il consigliere regionale Gianluca Cirignoni (gruppo Misto).

Per Cirignoni “non ascoltare un comitato che ha raccolto in poco tempo migliaia e migliaia di firme su una questione di così rilevante importanza per il futuro dell'Umbria è antidemocratico e profondamente ingiusto. Ribadisco che il futuro della 'strada maestra' degli umbri e spina dorsale della nostra viabilità deve essere di riqualificazione, ammodernamento e gratuità, con una gestione pubblica affidata ad un consorzio costituito tra le regioni attraversate dalla 'Orte-Mestre', in cui l'Umbria abbia il ruolo di capofila”. RED/pg

STRADA E 78: “APPELLO A VITTORIO SGARBI PER LA GALLERIA DELLA GUINZA” - CIRIGNONI (MISTO): “COME ASSESSORE DI URBINO ASCOLTI LA PROPOSTA DEL COMITATO INTERVALLE”

(Acs) Perugia, 21 marzo 2015 - “In qualità di membro fondatore del comitato intervalle 'apriamo la Guinza' ribadisco con forza che, dopo trent'anni di soldi sprecati in progetti mai realizzati, l'unica proposta seria, realizzabile in tempi brevi, più economica e di minor impatto ambientale è quella di mettere al servizio dei territori i 10 km di infrastruttura abbandonata nella massa Trabaria, di cui fanno parte i 6 km della galleria della guinza, ammodernandoli e collegandoli in modo adeguato e sicuro alla viabilità ordinaria di fondo valle che collega Città di Castello e l'Altotevere a Urbino e Pesaro (ss3/bis e ss73/bis)”. Lo afferma il consigliere regionale Gianluca Cirignoni (Misto).

SANITÀ: “NECESSARIA UNA POSTAZIONE FISSA DEL 118 A TRESTINA” - INTERROGAZIONE DI CIRIGNONI (GRUPPO MISTO)

 

(Acs) Perugia, 20 marzo 2015 – “Nel nuovo capitolato d'appalto per l'affidamento dei servizi di emergenza-urgenza collegati all'ospedale di Città di Castello deve essere prevista luna postazione fissa del 118 nella popolosa frazione di Trestina o comunque di un così detto 'punto caldo' gestito da volontari preparati e dotati di un autoambulanza”. È quanto chiede in un'interrogazione urgente alla Giunta il consigliere regionale Gianluca Cirignoni (gruppo Misto).

“Questo – spiega Cirignoni - consentirebbe di ridurre drasticamente le tempistiche di intervento in caso di emergenza e urgenza sanitaria per una vasta e popolosa area del comune di Città di Castello. Si tratta di una problematica molto sentita dalla popolazione,  tanto che in pochi giorni il comitato 'Altotevere Libero', del quale sono tra i fondatori, ha già raccolto oltre 500 firme a sostegno della petizione che sarà consegnata prossimamente all'Assemblea Legislativa dell'Umbria”.

REGIONALI 2015: “I PARTITI DI APPARTENENZA HANNO IL DIRITTO DI PORRE VETI. I CONSIGLIERI CHE HANNO SVOLTO TRE MANDATI LASCINO SPAZIO AI GIOVANI” - CIRIGNONI (MISTO) SULLE LISTE DI SOSTEGNO A CLAUDIO RICCI

(Acs) Perugia, 18 marzo 2015 – Il consigliere regionale Gianluca Cirignoni (gruppo misto) interviene in merito alle “polemiche sulla presenza dei consiglieri regionali nella lista del presidente a sostegno del candidato governatore Claudio Ricci”, rilevando che “i rispettivi partiti di appartenenza hanno il diritto di porre veti”. Cirignoni spiega che la sua posizione è diversa, in quanto è “uscito dalla Lega Nord, e questo anche perché pesantemente ammonito e redarguito dall'assente commissario Candiani proprio per l'appoggio a Ricci. E ciò nonostante fossi stato da lui nominato commissario per le province di Perugia e Terni”.

VIABILITÀ: “MISMETTI VENGA IN ALTOTEVERE E PORTI UN BADILE PER STRADE DISSESTATE” - NOTA DI CIRIGNONI (MISTO)

 

(Acs) Perugia, 18 marzo 2015 – “Il presidente della Provincia di Perugia, Nando Mismetti venga in Altotevere ma porti con se anche un badile per sistemare le strade provinciali”. Lo afferma il consigliere regionale Gianluca Ciirignoni (gruppo Misto).

“A seguito delle numerose proteste e segnalazioni di cittadini – spiega Cirignoni - sono di nuovo a segnalare le condizioni degradate e indecorose della strada  provinciale 100 in Altotevere umbro. In particolare il tratto tra i comuni di Citerna, San Giustino e Città di Castello del quale, qualche tempo fa, avevo denunciato lo stato di abbandono insieme ai membri del comitato 'Altotevere libero'. Ora è diventato un vero e proprio tratto killer pieno di buche e avvallamenti. Un simbolo di incapacità e incuria. Un pericolo per gli utenti ed un danno all'immagine del nostro operoso comprensorio”.